Sei in Italiamondo

epidemia

Coronavirus, primo caso a Sorbolo Mezzani. Positiva prof del Salernitano: era stata a Parma dai parenti

03 marzo 2020, 08:43

Coronavirus, primo caso a Sorbolo Mezzani. Positiva prof del Salernitano: era stata a Parma dai parenti

Aggiornamento Coronavirus. 420 casi positivi in Emilia-Romagna: quasi la metà dei quali, 187, in cura a casa, presentano sintomi lievi. Ventiquattro le persone in terapia intensiva

Con sette nuovi decessi, salgono a 18 quelli complessivi registrati in regione (7 in più rispetto a ieri pomeriggio). Sei a Piacenza: quattro pazienti piacentini, rispettivamente di 91,80, 86, 77, un lodigiano di 77 anni e una signora ultraottantacinquenne lombarda. All'ospedale di Vaio, deceduta una settantenne di Fontevivo. Complessivamente, i casi positivi sono 256 a Piacenza, 84 a Parma, 14 a Reggio Emilia, 33 a Modena, 6 a Bologna e 24 a Rimini. Rimangono invariati i due casi registrati a Forlì-Cesena e il solo caso di Ravenna. Sono cinque gli altri morti registrati al nosocomio di Piacenza: quattro piacentini, rispettivamente 91,80, 86, 77 e un lodigiano di 77 anni.

Un decesso a Fidenza - E' stato il sindaco di Fidenza Andrea Massari a dare in serata la notizia che è deceduta una donna fidentina di 69 anni che alla fine della scorsa settimana era risultata positiva al coronavirus, venendo per questo prima trattata all’Ospedale di Vaio e poi trasferita al Maggiore di Parma. Oltre ad essere legata al focolaio del lodigiano, la Autorità sanitarie competenti confermano che la donna – la prima e per ora unica fidentina contagiata – aveva significative patologie pregresse. “In modo non formale, come Sindaco insieme a tutta la comunità di Fidenza desidero porgere le più sentite condoglianze ai parenti – commenta Andrea Massari – . Quella di oggi è una notizia triste perché l’iniziale non necessità della terapia intensiva ci aveva fatti sperare che le condizioni della nostra concittadina potessero migliorare. C’è stato invece un rapido peggioramento, secondo le modalità del virus che ormai sappiamo colpire pesantemente le persone più anziane e con problemi di salute. La lotta contro il coronavirus prosegue a maggior ragione con più determinazione. Contro il virus e contro chi disinforma, contribuendo a far danni. A dispetto delle “voci” a tutt’oggi non ci sono operatori sanitari di Vaio positivi, come mi ha confermato Azienda Usl di Parma”.

Regione - In Emilia-Romagna il numero di casi positivi registrati oggi sono 420, alla luce dei quasi 1.778 test tampone refertati: sono 256 a Piacenza, 84 a Parma, 14 a Reggio Emilia, 33 a Modena, 6 a Bologna e 24 a Rimini, 1 a Forlì-Cesena, 2 a Ravenna.

Ottantacinque i nuovi casi, rispetto ai 335 rilevati ieri pomeriggio: 44 a Piacenza, 23 a Parma, 6 a Reggio Emilia, 4 a Modena, 3 a Bologna e 5 a Rimini. Resta invariato il numero delle persone risultate positive a Ravenna (2) e a Forlì-Cesena (1). I nuovi pazienti, come la maggior parte delle persone risultate ad oggi positive, si trovano in condizioni non gravi. Sono molti i casi asintomatici o con sintomi modesti e 187 le persone in cura a casa, dove si trovano in isolamento. I ricoveri in terapia intensiva sono saliti a 24. 

 

 

Un caso a Traversetolo

Il Sindaco Simone Dall’Orto, sentite le Autorità Sanitarie Competenti, comunica che è confermata la presenza di un caso di Coronavirus accertato nel Comune di Traversetolo. La persona residente a Traversetolo risultata positiva al coronavirus è attualmente ricoverata nel Reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Maggiore di Parma: le sue condizioni sono considerate buone ed è al momento trattata con terapia antivirale. L’Azienda Usl e l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, in raccordo con le autorità sanitarie regionali, hanno attivato, per questo caso positivo, tutte le procedure previste di isolamento ospedaliero durante il ricovero, e di isolamento domiciliare per i suoi famigliari. Questi ultimi sono stati sottoposti anche alle misure previste dai protocolli regionali e nazionali di controllo di positività alla malattia e di sorveglianza costante da parte dei professionisti dell’Azienda Usl di Parma. Al momento non sono necessarie altre misure di prevenzione o controllo, né presso il domicilio né nella zona di residenza della persona malata. L’Amministrazione comunale di Traversetolo, unitamente alla Protezione Civile e all’Azienda Pedemontana Sociale, è pronta ad intervenire qualora ci fossero casi di emergenza, soprattutto persone in autoisolamento o persone anziane con ridotta mobilità. Si invita, pertanto, la cittadinanza a non fare scorta di generi alimentari o presidi sanitari ed evitare inutili assembramenti. Si invita, inoltre, la cittadinanza a seguire le indicazioni emanate dal Ministero, che si ricordano, brevemente, e a non recarsi al Pronto Soccorso o presso gli ambulatori dei medici di famiglia in caso di sintomi ma a contattare telefonicamente il proprio medico di medicina generale o pediatria o, in caso di emergenza, il 118. Misure igieniche: a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani; b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; c) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; d) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; e) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; f) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; g) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate. Ricordiamo i numeri utili a cui fare riferimento: Ministero della Salute: 1500 per informazioni dirette Regione: 800 033 033 per informazioni sanitarie Ausl di Parma: 0521 396436 per informazioni in generale sul virus, i sintomi e le precauzioni per contrastare la diffusione. 339 6862220 per segnalare provenienze dalle zone dell'epidemia in Italia e all'estero nelle ultime due settimane. Si invitano, infine, i cittadini ad affidarsi esclusivamente a notizie e informazioni ufficiali emanate da istituzioni sanitarie, Ministero, Regione e Comune e assicuriamo tempestività nel tenere aggiornata la popolazione.

 

Primo caso di positività a Sorbolo Mezzani: è una anziana ricoverata in terapia intensiva a Parma 

Un’insegnante di Agropoli (Salerno) è risultata positiva al coronavirus e il sindaco ha chiuso la scuola. La donna, una docente di matematica di 57 anni residente nella cittadina cilentana, dove insegna al liceo «Alfonso Gatto», si era recata a Parma dai parenti durante le vacanze di carnevale e non era rientrata a scuola nella mattinata di ieri a causa di una febbre improvvisa. Sottoposta al tampone prima all’ospedale di Vallo della Lucania, la positività era stata confermata dal Cotugno di Napoli. Si attendono ora i risultati delle controanalisi disposti dallo Spallanzani di Roma. 
Stando alla ricostruzione degli spostamenti dell’insegnante, la donna non avrebbe avuto alcun contatto con gli studenti del liceo, ma in attesa di ricostruire con chiarezza i suoi movimenti ed escludere contatti con docenti e allievi il primo cittadino di Agropoli, Adamo Coppola, ha disposto la chiusura del liceo per i giorni di oggi e domani.

 

Milano-Tbilisi Sette passeggeri di un volo Milano-Tbilisi, che mostravano febbre alta, sono stati portati in un ospedale per malattie infettive dall’aeroporto durante la notte per essere esaminati per Covid-19. Lo ha detto il vice direttore del Centro nazionale per il controllo delle malattie e la salute pubblica Paata Imnadze. 
«Chiedo a tutti i nostri cittadini che stanno tornando a casa da Paesi ad alto rischio di diffusione del coronavirus di ridurre al minimo i contatti con altre persone per due settimane», ha detto, citato da Interfax. Più di 100 georgiani e stranieri che mostrano sintomi simili al coronavirus sono attualmente in quarantena in diversi ospedali del paese. Secondo i media georgiani, due iraniani che si trovavano nella vicina città di Khashuri dal 23 febbraio sono stati ricoverati la scorsa notte all’ospedale delle forze armate georgiane di Gori con febbre alta. Tre casi di coronavirus sono stati identificati in Georgia sino ad oggi, ha detto il Ministero della Salute.

Cina La Cina ha registrato altri sette casi di «contagio di ritorno» dall’Italia, aumentando i timori di ricontaminazione del Paese da cui è partita l’epidemia. 
Sulle 11 nuove infezioni da coronavirus annunciate oggi fuori dall’Hubei, provincia epicentro, sette sono relative allo Zhejiang, ha detto la Commissione sanitaria nazionale. Sono cittadini cinesi tornati dall’Italia la scorsa settimana che, secondo il network statale Cgtn, lavoravano nello stesso ristorante di Bergamo e avevano stretti contatti con la prima donna rientrata il 28 febbraio e risultata positiva. 

Per quanto riguarda l'Italia, sono 1.835 i pazienti malati di coronavirus in Italia; 149 i guariti; 52 i decessi. A Roma positivo un poliziotto, ma i medici escludono un focolaio nella Capitale. Questa settimana sarà decisiva per capire l’andamento dell’epidemia sul territorio italiano, secondo gli esperti. Conte lavora a una manovra anti-virus e riunisce stasera tutti i partiti. Gualtieri e Di Maio incontrano invece oggi le imprese dell’export. «Irrita» sapere che per l’emergenza coronavirus alcuni Paesi stanno bloccando cittadini italiani all’estero senza alcun criterio. E di fronte a «forzature o blocchi insensati» l’Italia risponderà: «E' un Paese che esige e merita rispetto, così come ogni singolo italiano». Lo assicura il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in un’intervista alla Stampa. E chiarisce che alla Farnesina ci si è già attivati per far ritirare blocchi che si ritengano ingiustificati e che si è chiesto di discutere il tema delle chiusure verso l’Italia anche al prossimo Consiglio Affari Esteri.
Governi e banche centrali studiano una risposta coordinata per affrontare l’emergenza coronavirus e cercare di contenere quella che l’Ocse definisce una «minaccia senza precedenti» per l'economia globale: oggi teleconferenza tra ministri G7 delle Finanze e governatori. Maggior rialzo nella storia per il Down Jones ieri a Wall Street. Apertura positiva stamani per Tokyo