Sei in Italiamondo

Don Buonaiuto, dai balconi un'Ave Maria

16 marzo 2020, 10:12

Don Buonaiuto, dai balconi un'Ave Maria
(ANSA) - ROMA, 16 MAR - Dedicare un momento unitario della giornata alla preghiera: è la proposta di don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII. "Belli i flash mob canori dai balconi, però sarebbe anche il caso - è il suo invito - di proporre la recita un'Ave Maria (magari in un momento unitario, come alle 19.30, accompagnati dal suono delle campane nelle chiese) per chi sta piangendo i propri morti, per quanti combattono, spesso a mani nude, contro un mostro invisibile e per coloro che cercano un significato alla loro esistenza ora che l'incolumità è in pericolo". "I cappellani e le suore impegnati in prima linea a supporto di medici e infermieri, sono l'emblema di una 'resistenza 2.0', nel pieno di un'allerta da cui usciremo comunque modificati. Il cambiamento deve iniziare dentro di noi, a partire da una pratica meno formalistica e più sostanziale della fede", conclude don Buonaiuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 TV Parma

Check-Up

12 Tv Parma, mercoledì 1 aprile