Sei in Italiamondo

coronavirus

Nuovi focolai e contagi in Italia: cruciali gli asintomatici. Nel mondo quasi 11.400 morti

21 marzo 2020, 08:11

Nuovi focolai e contagi in Italia: cruciali gli asintomatici. Il Ministero: rintracciare i contatti nelle 48 ore prima dei sintomi.

 

Bergamo, altri mezzi militari per bare - Altri mezzi militari hanno raggiunto questa mattina il cimitero monumentale di Bergamo per portare via le decine di feretri che giacciono nella camera mortuaria e nella chiesa, perchè il forno crematorio non riesce a far fronte a questo periodo di emergenza da coronavirus. 
Soltanto ieri si sono registrati 88 morti nella Bergamasca. «La lucina in fondo al tunnel speriamo che cominci a vedersi, per ora non si vede - ha commentato il sindaco Giorgio Gori -. Speriamo che cominci a vedersi qualche effetto di questa cosa che io ancora non vedo francamente». 

Sono una settantina i feretri che questa mattina sono stati caricati sui camion per essere trasferiti in altre zone del Nord, in particolare in Emilia Romagna per la cremazione. Anche oggi Bergamo assisterà dunque a un nuovo, drammatico corteo dei mezzi, come quello della sera del 18 marzo scorso, con le bare dei propri cari per i quali non è nemmeno stato possibile organizzare un funerale, perchè le regole per contrastare la diffusione del coronavirus li vietano. 


Intanto i casi di contagio da coronavirus nel mondo hanno superato la soglia delle 275.000 unità mentre il numero dei decessi sfiora quota 11.400: lo riporta l’ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University, che vede il numero delle persone guarite a 88.256 unità. In particolare, i contagi sono 275.434 ed i morti 11.399.

 

In Usa  19mila contagi e  260 morti , nuove misure - Nella serata di venerdì, il Presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di "grave calamità" per la città di New York, nell’ambito dell’emergenza coronavirus. Una misura che permetterà allo Stato di New York di reperire più facilmente i fondi messi a disposizione dal governo federale, e che è stata attuata in risposta al drammatico aumento dei casi di COVID-19 nelle ultime ore. Secondo i dati ufficiali sono 7.845 le persone contagiate nel solo Stato di New York, più di 2mila malati in più rispetto a giovedì. Di questi, 5.683 sono i casi confermati nella città di New York, con 43 vittime. Negli Stati Uniti, invece, il bollettino parla di 19.624 casi di contagio e 260 morti (dati aggiornati alle 23.59 di venerdì 20 marzo, ora locale). A partire da domenica sera, nello Stato di New York scatterà la fase di chiusura di tutti gli esercizi commerciali considerati "non-essentials". Una decisione presa dal governatore Andrew Cuomo. Nelle misure decretate sarà consentito alle persone non malate, di età inferiore ai 70 anni, di andare a fare la spesa e di acquistare medicine, di fare esercizio fisico e di camminare fuori, purchè venga rispettata la distanza minima di un metro. Mentre il trasporto pubblico continuerà a funzionare per permettere agli operatori sanitari e ad altre categorie di recarsi al lavoro. 

Coronavirus: 25 mila casi in Spagna, 1.326 i morti - Sale a 24.926 il bilancio dei casi di coronavirus in Spagna (4.946 in più) e 1.326 morti, 324 in più. Lo rende noto il Ministero della Salute, secondo quanto riporta la Efe. Secondo il dicastero, ci sono anche 1.612 pazienti in terapia intensiva, 471 in più rispetto a ieri, e un totale di 2.125 pazienti hanno già recuperato, 540 in più.