Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

Bertolaso: 'Sono positivo'. Piacenza, da oggi nuove restrizioni. La prossima sarà Parma?

24 marzo 2020, 08:28

Bertolaso: 'Sono positivo'. Piacenza, da oggi nuove restrizioni. La prossima sarà Parma?

«Sono positivo al Covid-19. Quando ho accettato questo incarico sapete quali sono i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese. Ho qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento. Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena. Continua a seguire i lavori dell'ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche. Vincerò anche questa battaglia ». Così in un post su Fb Guido Bertolaso.

 

 Una stretta stretta per prevenire i contagi nella provincia di Piacenza arriva con una nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, in vigore da oggi al 3 aprile. Sospensione delle attività economiche, escluse quelle essenziali o quelle che garantiscano contatti limitati tra le persone. E 'rafforzato le misure per garantire il contenimento e il distanziamento sociale, a partire dal divieto di ogni assembramento con più di due persone.

L'ordinanza firmata da Bonaccini, prevista anche un rafforzamento dei controlli. 
La sospensione delle attività economiche ampliata la portata del decreto adottato ieri dal Governo. Chi resta aperto dovrà attenersi a un rigido protocollo per mantenere le distanze. Chiusi studi professionali, parchi e limiti e rimodulato il trasporto pubblico locale. Esclusi dal divieto le attività produttive relative alla filiera alimentare, supermercati, edicole, farmacie, meccanici, idraulici. 
Prevista misure specifiche anche per la logistica, un settore che rappresenta una fetta molto importante Dpcm dell'11 marzo. Alla logistica si applicano ulteriori misure di distanziamento per la sicurezza dei lavoratori, come l'articolazione delle attività su più turni e lo scaglionamento dei servizi di mensa e degli orari di pausa. 

Intervenuto in alcune trasmissioni televisive, Bonaccini aveva ventilato l'ipotesi che dopo Rimini e Piacenza, anche Parma poteva rientrare in nuove misure restrittive.

La situazione nel mondo

I casi confermati di coronavirus in Spagna hanno superato quota 35.000, mentre i decessi sono oltre 2.200: è quanto emerge dagli ultimi dati assegnati dal quotidiano El Pais. In particolare, i contagi nel Paese sono ora 35.068 ei decessi 2.229. Le persone guarite sono 3.355. 

 

La provincia dell'Hubei rimuove i limiti Agli spostamenti imposti a causa mesi dagli NEGLI Sforzi per bloccare la diffusione del nuovo coronavirus : la decisione di posta operativa Dalla mezzanotte di martedì, nella base di un Quanto DECISO e registrato in Una nota dal Comitato locale di prevenzione e controllo. La via libera riguarderà tutti i residenti possessori del codice verde , quindi senza rischi di contagio. Anche il capoluogo di Wuhan , il focolaio della pandemia, vedrà le restrizioni cadere, ma solo a partire dall'8 aprile.

TrumpTrump vuole riaprire l'America, in 15 giorni decido
«Se fosse per i medici il mondo intero sarebbe chiuso», invece Donald Trump vuole 'riaprire l'Americà. E riaprirla in tempi brevi: in 15 giorni potrebbe decidere un allentamento delle regole, anche quelle sul distanziamento sociale così da spianare la strada alla riapertura delle imprese. L'obiettivo è evitare che la cura sia peggio della malattia, dice il presidente americano riferendosi all'economia contagiata dal coronavirus. Donald Trump vuole 'riaprire l'Americà. E riaprirla in tempi brevi: in 15 giorni potrebbe decidere un allentamento delle regole, anche quelle sul distanziamento sociale così da spianare la strada alla riapertura delle imprese. L'obiettivo è evitare che la cura sia peggio della malattia, dice il presidente americano riferendosi all'economia contagiata dal coronavirus. 
TrumpTrump illustra la sua posizione dal palco della Briefing Room della Casa Bianca, dal punto di vista dell'assistenza di Anthony Fauci, la massima autorità negli Stati Uniti in fatto di malattie infettive. Sui social in molti si chiedono dove sia finito il 'virologo in capo' e molti collegano l'assenza alla sua intervista critica, quella durante la quale ha ammesso che in alcune occasioni viene strappato il microfono a Trump per non sentirlo parlare del coronavirus. Il presidente Usa minimizza: «Non è presente perchè non parliamo delle cose di cui è esperto». Poi chi lo incalza su cosa Fauci pensasse della riapertura dell'America, Trump dice: «Capisce il costo enorme per il nostro paese». Invece di Fauci accanto al presidente Usa c'è invece il ministro della giustizia William Barr, Room della Casa Bianca, dal punto di vista dell'assistenza di Anthony Fauci, la massima autorità negli Stati Uniti in fatto di malattie infettive. Sui social in molti si chiedono dove sia finito il 'virologo in capo' e molti collegano l'assenza alla sua intervista critica, quella durante la quale ha ammesso che in alcune occasioni viene strappato il microfono a Trump per non sentirlo parlare del coronavirus. Il presidente Usa minimizza: «Non è presente perchè non parliamo delle cose di cui è esperto». Poi chi lo incalza su cosa Fauci pensasse della riapertura dell'America, Trump dice: «Capisce il costo enorme per il nostro paese». Invece di Fauci accanto al presidente Usa c'è invece il ministro della giustizia William Barr, 
Il Trump quindi prosegue nello spiegare come i costi economici della chiusura degli Stati Uniti sono enormi, da qui la sua fretta per riaprirli. «Più si sta fuori, più difficile è la ripresa», dadi. Ma anche un fronte di apertura in tempi registra un piano di stimoli da 2.000 miliardi di dollari è necessario. «Dobbiamo aiutare aziende come Boeing, e poi servire osare una spinta all'economia. Comunque quando ripartirà volerà », aggiunge il presidente Usa che è intrattenuto telefonicamente con il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. «E 'stata una telefonata produttiva. L'ho apprezzato per l'ottimo lavoro che sta facendo per combattere il coronavirus, sfruttando la ricerca medica, coinvolgendo il settore privato sulle forniture mediche essenziali, il potenziamento dei test, l'educazione del pubblico », Trump quindi prosegue nello spiegare come i costi economici della chiusura degli Stati Uniti sono enormi, da qui la sua fretta per riaprirli. «Più si sta fuori, più difficile è la ripresa», dadi. Ma anche un fronte di apertura in tempi registra un piano di stimoli da 2.000 miliardi di dollari è necessario. «Dobbiamo aiutare aziende come Boeing, e poi servire osare una spinta all'economia. Comunque quando ripartirà volerà », aggiunge il presidente Usa che è intrattenuto telefonicamente con il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. «E 'stata una telefonata produttiva. L'ho apprezzato per l'ottimo lavoro che sta facendo per combattere il coronavirus, sfruttando la ricerca medica, coinvolgendo il settore privato sulle forniture mediche essenziali, il potenziamento dei test, l'educazione del pubblico », 
La voglia di riaprire l'America del presidente si scontra con i numeri di casi in forte aumento negli Stati Uniti. I positivi sono oltre 42.000 ei morti 520, in quello che è il primo giorno in cui decedo superano le 100 unità. La maggior parte dei casi è nella città di New York, dove si concentra il 60% dei contagi di coronavirus dello stato di New York e il 35% di quelli negli Stati Uniti. Johnson chiude Regno Unito. Germania curerà 8 pazienti italianicoronavirus dello stato di New York e il 35% di quelli negli Stati Uniti.

Germania curerà 8 pazienti italiani
 «Tutti adottino linee rigorose contro il coronavirus, perché poi potremmo essere esposti a un contagio di ritorno: una risposta Ue coordinata è organizzata possibilità»: così Conte. E l'Italia non è intenzionata a utilizzare il Mes con il quadro normativo, aggiunge il premier. L'Ecofin approva la sospensione del Patto di stabilità; oggi l'Eurogruppo. Johnson rompe gli indugi e chiusi il Regno Unito, all'italiana. Boom di contagiati e vittime in Spagna. La Germania curerà 8 italiani.

Dalla Bergamasca a Bologna altre 33 bare
Nuovo trasporto di bare dalla Bergamasca da parte dell’Esercito: questa mattina i mezzi militari si sono portati a Ponte San Pietro dove, da un capannone di via Papa Giovanni XXIII, sono state portate via 33 bare, destinate a Bologna. 
Si tratta di salme giunta dal policlinico di Ponte San Pietro ma non solo: dalla cosiddetta Isola bergamasca alle valli, come ha spiegato sul posto il sindaco Marzio Zirafa. Sono stati anche organizzati dei posti di blocco per impedire l’avvicinamento alla zona del capannone. 

Bozza, multe fino 4000 euro e stop 30 giorni attività
Chi non rispetta le misure di contenimento contro il Coronavirus, «è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 500 a euro 4.000». E’ quanto prevede la bozza del dl decreto, ancora in fase di messa a punto, che sarà oggi all’esame del Cdm. A quanto si apprende, nel governo c'è chi ritiene sia opportuno abbassare a 2000 euro la sanzione massima. E’ prevista inoltre la «chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni» se si violano gli obblighi previsti per le attività commerciali. 

Antitrust, stop sito test autodiagnosi 
L’Antitrust, nell’adunanza di domenica 22 marzo 2020, ha avviato un procedimento istruttorio e, al contempo, disposto in via cautelare sia l’oscuramento del sito web http://testcoronavirus.shop/it sia la sospensione dell’attività di promozione pubblicitaria e commercializzazione del «Rapid Test COVID-19», al prezzo di 24,86 euro. Lo annuncia l'Autorità garante per la concorrenza ed il mercato che per l'operazione si è avvalsa della collaborazione della Guardia di Finanza, Nucleo Speciale Antitrust. 
Il provvedimento di oscuramento e sospensione, si legge in una nota, è motivato dall’esigenza di interrompere la diffusione di una pratica estremamente grave, tale da rendere urgente e indifferibile l’intervento dell’Autorità.

Il prodotto, spiega l’Antitrust, viene reclamizzato come un dispositivo medico diagnostico destinato ad essere utilizzato a domicilio, da parte di persone non esperte di test diagnostici, al fine di auto-diagnosticare in maniera rapida ed affidabile l’eventuale contagio da COVID-19. In realtà, le informazioni fornite dal professionista sull'efficacia del test, sulla sua destinazione di uso e sul suo carattere sperimentale appaiono ambigue, confuse e oscure. 
L’Autorità ha ritenuto, in particolare, che le modalità di promozione e vendita del prodotto siano 'prima faciè (a prima vista ndr.) «ingannevoli e aggressive, idonee ad alterare la capacità di valutazione del consumatore, dal momento che il professionista sfrutta l’allarme suscitato dal costante aumento del numero dei soggetti contagiati dal COVID-19 e dal rischio di mortalità conseguente alla contrazione del virus, nonchè dalla diffusione di notizie circa le presunte difficoltà di approvvigionamento di «tamponi» da parte delle strutture sanitarie pubbliche».