Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

A New York per la prima volta muore un bambino

Non è stata resa nota l’età ma aveva patologie preesistenti 

31 marzo 2020, 16:22

A New York per la prima volta muore un bambino

Nella città di New York per la prima volta un bambino muore a causa del coronavirus. La notizia è stata resa nota nel momento in cui il bilancio dei decessi in tutto lo Stato supera quota 1.300. Le autorità non hanno rilevato l’età del bambino, tuttavia hanno riferito che aveva delle patologie preesistenti. New York è l’epicentro dei contagi da coronavirus in tutti gli Stati Uniti con oltre il 40% di tutti i decessi. La maggior parte dei pazienti ha meno di 50 anni.

Più morti che nell’attentato dell’11 settembre del 2001. Così il Washington Post sintetizza gli ultimissimi dati sull'andamento dell’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti, con i morti che oramai sono oltre 3.000: 3.170, secondo la Johns Hopkins University. I casi di contagio sono saliti a 164.610.

Il ragazzo di 17 anni morto in California per coronavirus era stato rifiutato dall’ospedale perchè non aveva l’assicurazione sanitaria. Lo racconta R. Rex Parris, il sindaco di Lancaster, la cittadina della California dove il teenager è morto, usando il caso per invitare tutti a stare a casa. «Il venerdì prima di morire era in salute, il mercoledì è morto», dice Parris. «Non aveva l’assicurazione sanitaria e non lo hanno curato», racconta Parris, riferendosi al pronto soccorso dell’ospedale dove si era inizialmente curato, suggerendogli di recarsi a un ospedale pubblico.