Sei in Italiamondo

A Norcia "viene meno la speranza"

04 aprile 2020, 15:14

A Norcia "viene meno la speranza"
(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 04 APR - "E' di nuovo tutto chiuso, una tragedia nella tragedia, sembra di stare dentro un film dell'orrore. Ma questo è il secondo atto, il primo lo stiamo vivendo da oltre 3 anni con il dopo sisma". Parole di Alberto Allegrini, responsabile di Confcommercio Valnerina e imprenditore del settore turistico di Norcia, che pronuncia camminando per le strade e piazze praticamente deserte della città di San Benedetto - raggiunte dall'ANSA - dopo un mese di emergenza coronavirus. I negozi, anche quelli che potrebbero stare aperti come le norcinerie, sono tutti chiusi. Di gente in città se ne incontra soltanto un po' davanti a una banca in attesa del proprio turno allo sportello. Chi vende frutta e verdura carica delle casse su un furgone per le consegne a domicilio. "Il terremoto - dice Allegrini - in pochi secondi ci aveva fatto tornare indietro di 45 anni, facendoci venire meno le nostre case e i nostri locali, ma adesso, con questa emergenza che si somma al dopo sisma, ci sta venendo meno la speranza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA