Sei in Italiamondo

terremoto

All'Aquila la commemorazione delle vittime, 309 rintocchi nella notte

06 aprile 2020, 09:46

All'Aquila la commemorazione delle vittime, 309 rintocchi nella notte

Si è svolta, in Piazza Duomo all’Aquila, una breve ma intensa cerimonia per l’undicesima commemorazione delle vittime del sisma 2009. Un momento inevitabilmente condizionato dalla restrizioni legate all’emergenza coronavirus, che non ha consentito lo svolgimento della fiaccolata come accaduto negli anni scorsi. Come 11 anni fa, si ripete la circostanza per cui il 5 aprile cade nella domenica delle Palme, e il 6 di lunedì. Il Comune dell’Aquila ha inteso sostituire il rito collettivo della fiaccolata attraverso l’illuminazione del centro storico con installazioni posizionate in alcuni luoghi simbolo della tragedia del 2009 - via XX Settembre, Casa dello Studente, Piazzale Paoli, via D’Annunzio e Convitto - resi tristemente noti dalla furia distruttrice del sisma. Un fascio di luce azzurra, inoltre, simbolo di speranza, è stato proiettato verso il cielo illuminando piazza Duomo, luogo di svolgimento di una breve celebrazione. Alle 3.32, orario del tragico terremoto, 309 rintocchi dal campanile della chiesa in memoria delle vittime.
"Undici anni fa il terribile terremoto che devastò L’Aquila si portò via la vita di 309 italiani. Quest’anno l’anniversario di quell'evento luttuoso cade nel pieno dell’emergenza Coronavirus e non sarà possibile celebrare alcuna commemorazione pubblica. Per questo oggi è ancora più importante che il Paese intero ricordi e sia unito nel cordoglio". Lo afferma in una nota il presidente del Senato Elisabetta Casellati. "Per le popolazioni colpite dal sisma del 2009, l’epidemia comporta un grave peggioramento delle condizioni di vita e una pesante battuta d’arresto per le speranze di ripresa economica e di ricostruzione che attendono da anni di diventare realtà - aggiunge -. Nella fase post emergenza sanitaria che richiederà il massimo sforzo di Governo e Parlamento per sostenere le famiglie e i settori produttivi del Paese, alle comunità dei territori messi in ginocchio dagli eventi sismici occorrerà garantire una volta per tutte risposte efficaci, sia in termini di investimenti che di semplificazione normativa al fine di velocizzare la ricostruzione. Questa volta lo Stato non può mancare all’appuntamento". 
"Il ricordo della notte del 6 aprile di undici anni or sono è impresso con caratteri indelebili nelle menti e nei cuori dei cittadini de L’Aquila e di tutti gli italiani. Un terribile terremoto portò morte e devastazioni, gettò numerose famiglie nella sofferenza e talvolta nella disperazione, rese inaccessibili abitazioni, edifici, strade, costringendo a un percorso fortemente impegnativo, prima di sopravvivenza, poi di ricostruzione". Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi. "Nel giorno dell’anniversario desidero rinnovare i sentimenti di vicinanza e solidarietà a tutti gli aquilani, a quanti nei paesi e nei borghi limitrofi hanno condiviso sia quei momenti tragici sia gli affanni della ripartenza, ai nostri concittadini di numerosi altri territori del Centro Italia che, nel breve volgere di pochi anni, si sono trovati a vivere drammi analoghi e ora sono impegnati, come a L’Aquila, per restituire a se stessi e all’Italia la pienezza della vita sociale e i valori che provengono dalla loro storia", aggiunge il capo dello Stato.
"La ricorrenza di quest’anno si celebra in un contesto eccezionale, determinato da una pericolosa pandemia che siamo chiamati a fronteggiare con tutta la capacità, la responsabilità, la solidarietà di cui siamo capaci. Un’emergenza nazionale e globale si è sovrapposta a quell'itinerario di ricostruzione che gli aquilani stanno percorrendo, che ha già prodotto risultati importanti ma che richiede ancora dedizione, tenacia e lavoro. La ricostruzione de L’Aquila resta una priorità e un impegno inderogabile per la Repubblica - aggiunge Mattarella -. I cittadini hanno diritto al compimento delle opere in cantiere, al ritorno completo e libero della vita di comunità, alla piena rinascita della loro città". "Di fronte agli ostacoli più ardui possiamo avere momenti di difficoltà ma l’Italia dispone di energia, di resilienza e di una volontà di futuro che ha radici antiche e che, nei passaggi più difficili della nostra storia, è sempre stata sostenuta da una convinta unità del popolo italiano. Oggi questo senso di solidarietà e di condivisione rappresenta un patrimonio prezioso a cui attingere per superare l’emergenza di questi giorni", conclude Mattarella. 

Scossa di magnitudo 2.9 nelle Marche
Una scossa di terremoto di magnitudo 2.9 è stata registrata, alle 06.57, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, a 2 chilometri a nord-est di Sant'Ippolito, in provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche. L'evento è stato localizzato ad una profondità di 37 chilometri.