Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

Salgono a 95 i medici deceduti. Federfarma: 'Centinaia di farmacisti contagiati'. La fase 2 sarà in due step. Nata la figlia del 'paziente 1'

08 aprile 2020, 08:35

Salgono a 95 i medici deceduti. Federfarma: 'Centinaia di farmacisti contagiati'. La fase 2 sarà in due step. Nata la figlia del 'paziente 1'

Sarebbero circa un milione i casi di infezione da SarsCoV2 in Italia: è la stima condivisa dal fisico Federico Ricci Tersenghi, dell’Università Sapienza di Roma, e dall’infettivologo Massimo Galli, dell’ospedale Sacco di Milano. Lo hanno detto nel dibattito organizzato dalla pagina Facebook 'Coronavirus - Dati e analisi scientifiche'. «E' inutile dire che l’Italia ha il tasso letalità più alto del mondo, in realtà - ha detto Galli - ha il denominatore più sballato del mondo: manca il 90% di chi ha l’infezione. Circa un milione l’ha incontrata». 

Padova equipara anche ai non residenti i costi delle cremazioni legate alle vittime del Coronavirus. Negli ultimi giorni alcuni feretri, provenienti dalle zone più colpite dal Coronavirus, in particolare dalla Lombardia, sono stati accolti nel Cimitero Maggiore della città veneta. L’Amministrazione municipale ha deciso di equiparare le tariffe per la cremazione durante il periodo di picco del virus tra residenti e non residenti. 
«In questo momento di emergenza sentiamo tutti la necessità di esprimere concretamente solidarietà a chi sta affrontando enormi difficoltà - sottolinea l’assessore Francesca Benciolini - per questo come Amministrazione abbiamo prontamente aderito alle richieste di aiuto delle aree più colpite dal Covid-19 di accogliere un numero significativo di feretri da cremare».

Una operatrice 36enne di una residenza per anziani di Modena risultata positiva al Covid-19 è deceduta la notte scorsa, mentre si trovava ricoverata in terapia intensiva. La notizia è stata diffusa dal sindacato Fp Cgil, dato che la giovane era delegata sindacale all’interno della struttura, Villa Margherita. 
«Era stata ricoverata in terapia intensiva lo scorso 6 marzo perchè affetta da Covid-19. Era una dei dieci operatori contagiati - aggiunge il sindacato - della residenza per anziani Villa Margherita di Modena. Ha lottato per oltre un mese, ma alla fine non ce l’ha fatta». 

La curva del contagio del coronavirus ha iniziato a scendere: 47 giorni dopo il 'paziente uno' a Codogno e 17.127 morti, l’Italia sembra vedere uno spiraglio di luce, con il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ieri sera ha spiegato che l’indice di contagio è «sceso sotto il dato 1 ed è un risultato straordinario se pensiamo che eravamo a 3 o 4, ovvero un soggetto positivo infettava fino a 3-4 persone, fino a qualche settimana fa». Ora il Paese si avvia verso la fase 2 che, probabilmente sarà a due step: il primo, dopo Pasquetta, per le attività produttive e il secondo, forse a maggio, per riprendere a spostarsi e ad uscire di casa, pur tra mille precauzioni «perchè - come avvertono gli scienziati - il virus non è sconfitto».

 

E' nata ieri sera all’ospedale Buzzi di Milano la figlia di Paziente 1, cioè Mattia, il dipendente dell’Unilever residente a Codogno e ritenuto il primo caso accertato di Coronavirus in Italia. La moglie, Valentina, era risultata anche lei positiva ed era stata ricoverata in osservazione e poi dimessa dal Sacco, ospedale che fa parte della stessa azienda azienda sanitaria. Mattia, che era finito in terapia intensiva, è stato dimesso dal San Matteo di Pavia lo scorso 23 marzo.

Salgono a 95 i medici morti per l'epidemia di Covid-19: all’elenco pubblicato dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici si aggiunge Giuseppe Vasta, medico di famiglia. Nella lista, sottolinea il presidente Filippo Anelli, «si è deciso di includere tutti i medici, pensionati o ancora in attività, perchè per noi tutti i medici sono uguali. Alcuni dei medici pensionati, inoltre, erano rimasti o erano stati richiamati in attività; alcuni avevano risposto a una chiamata d’aiuto. Non si smette mai di essere medici».

Sono centinaia su tutto il territorio nazionale i farmacisti contagiati da Covid-19 durante la loro attività. Resta fermo a sei il numero dei deceduti, compreso un farmacista in pensione. Lo rende noto Federfarma. 
 

NEGLI USA 1.939 MORTI IN 24 ORE, E' RECORD 

Circa 2.000 persone sono morte negli Stati Uniti a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo si apprende dai dati forniti dall’università John Hopkins. Si tratta del peggior bilancio giornaliero nel mondo da inizio pandemia. L’aumento record (+1.939 vittime) porta a 12.722 i morti negli Stati Uniti. 

CORONAVIRUS: GALLERA, IN LOMBARDIA AVUTO FUNGO BOMBA ATOMICA

 In Lombardia «abbiamo avuto il fungo della bomba atomica, guardate che alla fine vedremo i numeri di tutto questo e non si discosteranno molto, che ha travolto in modo indistinto sui territori, negli ospedali, nelle Rsa le persone più fragili». Lo ha spiegato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, parlando a Radio24 dell’effetto del Coronavirus nella Regione. 
«Se voi paragonate quello che è successo in Regione Lombardia, con quello che è successo in Veneto e nelle altre Regioni forse non avete capito cosa è successo nella nostra Regione. - ha aggiunto - In Veneto sono stati molto più fortunati perchè l’unico primo focolaio sono riusciti ad identificarlo subito, era un paziente che arrivava da una zona a rischio, cioè Codogno. Sono riusciti ad individuarlo e a soffocare il virus. Quello che abbiamo provato a fare noi purtroppo rendendoci conto che in 20 giorni il virus era arrivato a Codogno, a Lodi, a Cremona, ad Orzinuovi con la fiera del fieno, ad Alzano e si era così sparpagliato che ha creato un’ondata, uno tsunami che non ha pari in nessuna Regione italiana e probabilmente in nessun paese dell’Europa. Qui abbiamo vissuto una guerra».