Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

Sono 78 i vaccini candidati, 5 in fase avanzata

10 aprile 2020, 14:30

Sono 78 i vaccini candidati, 5  in fase avanzata

 Attualmente, vi sono 78 candidati al vaccino contro Covid-19, cinque dei quali sono già entrati in fase di studi clinici, ovvero sono in sperimentazione sull'uomo. A fornire i numeri (aggiornati all’8 aprile) del rapido evolversi della ricerca in materia è un articolo pubblicato sulla rivista Nature e realizzato da ricercatori della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), uno dei principali finanziatori di vaccini al mondo. 
La sequenza genetica di SARS-CoV-2, si legge, «è stata pubblicata l’11 gennaio 2020, innescando un’intensa attività globale di ricerca e sviluppo per sviluppare un vaccino contro la malattia. La portata dell’impatto umanitario ed economico della pandemia COVID-19 sta portando alla valutazione di piattaforme tecnologiche in grado di accelerare lo sviluppo dei vaccini. Tanto che il primo candidato vaccino ha avviato test clinici umani con una rapidità senza precedenti, il 16 marzo scorso, seguito poco dopo da altri. «Il panorama globale comprende attualmente 115 candidati vaccinali, di cui 78 confermati come effettivamente in corso. Di questi 78 progetti attivi, 73 sono in fase esplorativa o preclinica, mentre 5 sono in una fase più avanzata, e sono passati nella vera e propria fase di sviluppo clinico: mRNA-1273 di Moderna, Ad5-nCoV di CanSino Biologicals, INO-4800 di Inovio, LV-SMENP-DC e aAPC dello Shenzhen Geno-Immune Medical Institute». Numerosi altri vaccini inizieranno a esser testati sull'uomo nel 2020. 
«Una caratteristica sorprendente del panorama di sviluppo del vaccino per Covid-19 - scrivono gli autori, guidati da Tung Thanh Le - è la gamma di piattaforme tecnologiche in fase di valutazione, tra cui acido nucleico (DNA e RNA), particelle simili a virus, peptidi, vettore virale, proteine ricombinanti, approcci per virus vivi attenuati e virus inattivati. E' ipotizzabile, che alcune di queste possano essere più adatte a specifici sottotipi di popolazione, come anziani, bambini, donne in gravidanza o pazienti immunocompromessi».