Sei in Italiamondo

coronavirus

L'Italia blindata fino al 3 maggio (con eccezioni). Lamorgese ai prefetti: 'Monitorare il disagio sociale'. Colao a capo della task force che programma la Fase 2

11 aprile 2020, 08:38

L'Italia blindata fino al 3 maggio (con eccezioni).  Lamorgese ai prefetti: 'Monitorare il disagio sociale'. Colao a capo della task force che programma la Fase 2

Proseguirà fino al 3 maggio il blocco dell'Italia. Ma dal 14 aprile sono impostate le prime riaperture, a cominciare da librerie, cartolerie e negozi per bambini. Da oggi sarà operativa la task force guidata da Colao per affiancare il comitato tecnicoscientifico nel percorso della 'fase 2'. Calano intanto per il settimo giorno consecutivo i ricoveri da coronavirus in terapia intensiva.
"Agevolare la ripresa del sistema economico, contenere e prevenire manifestazioni di disagio sociale, tutela fiscale legale". Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, in una direttiva "da 'massimo impulso all'attività dei prefetti sul territorio per fronteggiare l'emergenza Covid-19". "Alle difficoltà delle imprese e del mondo del lavoro - aggiunge - desidera accompagnarsi gravi tensioni a cui possono fare eco, da un lato, la recrudescenza di tipologie di delittuosità comune e i manifestarsi di focolai di espressione estrema, dall'altro, il rischio che nelle pieghe dei nuovi bisogni si annidino perniciosamente opportunità per le raccomandazioni criminali. Particolare attenzione alle categorie piu' deboli con l'invito ad effettuare un attento monitoraggio dell'andamento delle misure di sostegno al bisogno di liquidità delle famiglie e delle imprese adottate dal Governo". Un'azione che, secondo Lamorgese, "deve svolgersi uniformemente sul territorio nazionale per contenere la diffusione di quei fenomeni criminali che costituiscono una grave minaccia al tessuto dell'economia legale". Per Lamorgese "risulta fondamentale anche un'attenta ed accurata valutazione di tutti i possibili indicatori di rischio di condizionamento dei processi decisionali pubblici funzionali all'assegnazione degli appalti". "Un impegno corale - conclude - per garantire i fondamentali livelli di legalità e sicurezza necessari per far ripartire il nostro Paese".

Arcuri, fine ancora lontana, non fare sciocchezze
«Nei prossimi giorni non fate sciocchezze, continuate e rafforzare se possibile il convincimento, l’obbligo di seguire le previsioni che in questo periodo vi abbiamo dato. La fine è ancora lontana. Vi continuo a supplicare, state in casa, state attenti e continuate ad essere responsabili come lo siete stati fin ora». Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, in conferenza stampa alla Protezione Civile.