Sei in Italiamondo

Brasile, indios chiudono loro terre

16 aprile 2020, 13:21

Brasile, indios chiudono loro terre
(ANSA) - ROMA, 16 APR - In almeno 12 Stati del Brasile, indios di varie etnie hanno chiuso l'accesso alle loro terre da soli per cercare di impedire l'arrivo del nuovo coronavirus: lo rende noto il portale di notizie Uol, sottolineando che coloro che vivono nei villaggi sono più vulnerabili alle epidemie virali e temono che i casi di Covid-19 si diffondano nei loro territori. Secondo stime dell'Osservatorio agroalimentare, ci sono barriere create da 23 gruppi etnici negli Stati di Acre, Bahia, Maranhao, Parà, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Tocantins, Minas Gerais, Paranà, Roraima, Rondonia e Santa Catarina. "Per il momento non abbiamo nessun caso sospetto, ma stiamo chiudendo il villaggio per non far entrare persone da fuori che possano contaminarci", ha spiegato il capo tribù Almir Narayamoga, dell'etnia Suruì, che vive a Rondonia. Secondo un rapporto della Segreteria speciale per la salute degli indigeni, fino a due giorni fa ci sono stati 17 casi confermati nelle terre indigene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA