Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

Mattarella nomina Mbandà Cavaliere al merito

Onorificenza anche a Monica Bettoni, medico in pensione  ex senatrice tornata in corsia a Parma

03 giugno 2020, 09:46

Mattarella nomina Mbandà Cavaliere  al merito

 «Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto insignire dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica un primo gruppo di cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l'emergenza del coronavirus. I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali». Così in un comunicato del Quirinale. 

Fra di loro ci sono  Mata Maxime Esuite Mbandà, giocatore delle Zebre  Rugby della nazionale italiana,  volontario sulle ambulanze per l’Associazione Seirs Croce Gialla di Parma e Monica Bettoni, ex senatrice e Sottosegretaria alla Sanità, medico in pensione, che ha deciso di tornare in corsia a Parma.

La nomina a Cavaliere della Repubblica ha sorpreso Maxime Mbanda, terza linea delle Zebre e della nazionale di rugby, mentre si stava allenando con la squadra. «Per me è un motivo di orgoglio - ha detto - Ringrazio Mattarella per questo pensiero. E’ un riconoscimento che va a tutte le persone che hanno dato una mano in questo periodo o che lo fanno da anni in silenzio. Per me è una giornata speciale, è una notizia incredibile, che non ho ancora metabolizzato. Posso solo dire che il mio impegno non finirà con la fine dell’emergenza». 
Mbanda ha trascorso gli ultimi mesi come volontario della Croce gialla di Parma, considerando anche il fatto che le squadre hanno potuto ricominciare ad allenarsi solo nelle ultime settimane. «Ho un solo rammarico - ha detto - sono pentito di non aver cominciato prima a fare questa esperienza. Adesso non dobbiamo abbassare la guardia, invito tutti a cercare associazioni. Ce ne sono infinite, che cercano persone per dare una mano. Per me è stata un’esperienza incredibile».