Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

In Alto Adige famiglia viola la quarantena, il figlio positivo va anche a una festa: epidemia colposa

19 luglio 2020, 10:37

In Alto Adige famiglia viola la quarantena, il figlio positivo va anche a una festa: epidemia colposa

Circa quaranta persone, tutte della val Badia, in Alto Adige, sono finite in isolamento sanitario dopo che una famiglia di tre persone ha violato sistematicamente la quarantena imposta dalla positività del figlio, 24 anni, sottoposto ad un tampone che il 10 luglio scorso aveva certificato la sua positività al Covid. 
Lui, lo stesso giorno in cui l’Azienda sanitaria provinciale ha imposto alla famiglia la misura sanitaria, è andato al lavoro e poi con gli amici all’happy hour. Il giorno dopo, dicono i carabinieri di Badia, che li hanno denunciati tutti e tre per epidemia colposa, il giovane ha inoltre partecipato ad una festa di laurea in un rifugio a Corvara e, nei giorni successivi, è stato visto in diversi locali pubblici della valle. 
Il tutto senza indossare la mascherina chirurgica, come notato da parecchi testimoni, già interrogati in merito. Contemporaneamente i genitori - che non sono positivi al tampone - hanno continuato le rispettive attività lavorative in una falegnameria ed in una struttura ricettiva nella val Badia.