Sei in Italiamondo

ROMA

I funerali Willy a campo Paliano: un fiume di maglie bianche. Il vescovo: "Troviamo la forza di perdonare" - Foto

12 settembre 2020, 11:12

Chiudi
PrevNext
1 di 13

Nel campo sportivo di Paliano i funerali di Willy Monteiro Duarte, il giovane assassinato a Colleferro. Ad assistere alla cerimonia anche il premier Giuseppe Conte, che si è soffermato a parlare con i sindaci dell’hinterland prima della cerimonia.
Sono già centinaia le persone in fila per entrare al campo sportivo di Paliano, in provincia di Frosinone, dove tra circa un’ora inizieranno i funerali di Willy Monteiro Duarte, il giovane assassinato a Colleferro. Anche i parenti del ragazzo sono arrivati, in lacrime: sull'auto una fotografia del figlio ucciso. Familiari e amici indossano maglie e camicie bianche, come la maggior parte dei partecipanti: è stata una richiesta della famiglia del giovane, come «segno di purezza e di gioventù» aveva riferito il sindaco di Paliano. Nel campo sportivo, in attesa dell’inizio della cerimonia, moltissimi ragazzi sulle sedie in plastica disposte sul manto erboso con maglie bianche e la scritta 'Ciao Willy'. Alle esequie sono attesi, tra gli altri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.
Un lungo applauso ha accolto l'ingresso del feretro di Willy Monteiro Duarte e della sua famiglia nel campo di Paliano dove saranno celebrati i funerali del ragazzo ucciso a Colleferro. Subito dopo l’ingresso della bara, c'è stato un minuto di silenzio.

 «Perchè la morte barbara e ingiusta di Willy non cada nell’oblio impegnamoci tutti, istituzioni, forze dell’ordine, uomini e donne della politica, della scuola, dello sport e del tempo libero, Chiesa, famiglie e quanti detengono le chiavi di un potere enorme, quello dei media e in particolare dei media digitali, a comprometterci insieme, al di là di ogni interesse personale e senza volgere lo sguardo altrove fingendo di non vedere, a riallacciare un patto educativo a 360 gradi». Così il vescovo di Tivoli e Palestrina monsignor Mauro Parmeggiani, nell’omelia ai funerali di Willy. 

«Chiediamo a Dio anche la forza per saper un giorno perdonare chi ha compiuto l’irreparabile. Perdonare ma anche chiedendo che essi percorrano un cammino di rieducazione secondo quanto la giustizia vorrà disporre e in luoghi, come ad esempio le carceri, che devono essere sempre più ambienti di autentica riabilitazione dell’umano». ;Così il vescovo di Tivoli e Palestrina monsignor Mauro Parmeggiani, nell’omelia ai funerali di Willy. 


Alla fine delle esequie il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha abbracciato la madre e il padre di Willy, Lucia e Armando e la sorella Milena. Commosso, si è avvicinato al padre , alla madre e alla sorella di e ha detto: «L'Italia è con voi, vi vuole bene» . Il feretro del giovane è uscito dal campo sportivo, dove si è celebrato il funerale, tra gli applausi. Un volo di palloncino bianchi ha salutato Willy al termine della cerimonia, sulla bara una corona di fiori bianchi.