Sei in Italiamondo

pioggia

Il maltempo fa paura in Piemonte e in Liguria, situazione critica

03 ottobre 2020, 08:19

Il maltempo fa paura in Piemonte e in Liguria, situazione critica

 

Il maltempo continua a flagellare il Nord Ovest. E’ stata una notte di paura in particolare in Piemonte, dove due persone risultano disperse, e in Liguria, con torrenti esondati, allagamenti e frane, oltre a una mareggiata su Genova e Levante. I vigili del fuoco sono ancora al lavoro per il maltempo nel Cuneese. Sommozzatori, soccorritori fluviali e operatori sono impegnati da ieri sera nelle zone più critiche. I maggiori problemi nei comuni Limone Piemonte, Ormea e Garessio, dove alcune case sono state sgomberate per esondazione di corsi d’acqua. Ieri sera è stato chiuso il valico del Col di Tenda a causa di una frana nel versante francese. Diverse auto sono rimaste bloccate nell’acqua all’imbocco della galleria del Tenda. Vigili del fuoco alla ricerca di 2 dispersi: uno a Col di Tenda (Cuneo), un altro a Varallo Sesia (Vercelli). Torrenti esondati, allagamenti, frane, paesi isolati e danni sulla costa in Liguria. Grave in particolare la situazione a Ventimiglia, dove sono esondati il Roja - dopo il rilascio delle dighe di Breil e Casterino - e il Bevera che hanno allagato le strade e trascinato con sè automobili e detriti. Crollata la passerella Squarciafichi, uno dei simboli della città. 

Mose: Laguna Venezia chiusa alla navigazione

Dalle ore 7.00 di stamani è interdetta la navigazione alle tre bocche di porto della Laguna di Venezia, per permettere le operazioni di sollevamento del Mose. Sono in vigore infatti le ordinanze emesse nella tarda serata di ieri dalle Capitanerie di Porto di Venezia e Chioggia, competenti per le rispettive aree lagunari. Nei pressi delle Bocche di Lido, Malamocco e Chioggia, transitano solo imbarcazioni delle forze di polizia, della Guardia Costiera, del soccorso e delle società connesse al Consorzio Venezia Nuova. Il traffico portuale veneziano potrà riprendere non prima delle ore 15.30, e comunque non prima del rientro delle barriere mobili nei propri alloggiamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA