Sei in Italiamondo

TERRORISMO

Mali, liberati due italiani rapiti: padre Maccalli e Nicola Chiacchio

08 ottobre 2020, 22:18

Mali, liberati due italiani rapiti: padre Maccalli e Nicola Chiacchio

Sono stati liberati due cittadini italiani, rapiti  che erano ostaggi di un gruppo jihadista  in Mali. Lo ha annunciato il governo di Bamako. Si tratterebbe di  padre Pierluigi Maccalli rapito nel 2018 in Niger e di Nicola Chiacchio, sequestrato in Mali.

Padre Macalli - della Società delle Missioni Africane (SMA), attivo nella diocesi di Niamey in Niger - fu rapito un anno fa, nella notte tra il 17 e il 18 settembre 2018. I supo rapitori erano jihadisti forse provenienti dal Mali o dal Burkina Faso.Originario della diocesi di Crema, già missionario in Costa d'Avorio per vari anni, padre Maccalli prestava la sua opera nella parrocchia di Bomoanga. Dedito all'evangelizzazione e alla promozione umana, si era speso anche per contrastare le pratiche cruente legate alle culture tradizionali, come la circoncisione e l'escissione delle donne. Il sequestro avvenne una settimana dopo il suo rientro da un periodo di vacanze in Italia. In aprile Avvenire aveva pubblicato un video in cui appariva il sacerdote lombardo prigioniero insieme a Chiacchio, del quale si erano si erano perse le tracce, forse rapito durante una vacanza.

L’identità dei due italiani liberati è stata confermata da un portavoce del governo maliano. L'annuncio giunge dopo che il governo ad interim del Mali ha rilasciato 100 jihadisti - sospettati o condannati - nel corso dell’ultimo fine settimana.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA