Sei in Italiamondo

coronavirus

Speranza: "Il tempismo potrebbe evitarci misure più drastiche"

10 ottobre 2020, 15:42

Speranza: "Il tempismo potrebbe evitarci misure più drastiche"

"Nelle prossime ore si valuterà il contenuto del nuovo Dpcm. Per me bisogna avere la forza di prendere in carico questa fase nuova immediatamente. Il tempismo potrebbe evitarci misure più drastiche". A dirlo il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la manifestazione organizzata dalla Cgil "Sanità: pubblica e per tutti" a Roma.

 «Le misure contano ma quello che è veramente decisivo sono e restano i comportamenti delle persone. Io penso che la scienza in un tempo congruo ci darà risposte incoraggianti. Io sono ottimista non sono pessimista, la battaglia l’umanità la vincerà. Presto non significa però domani mattina e neanche tra pochissime settimane ma con tutta probabilità nella prima parte del 2021. Quindi abbiamo una fase di resistenza e di convivenza dove purtroppo non abbiamo ancora il vaccino, non abbiamo ancora cure risolutive e quindi in questi mesi non mi stancherò mai di rire che i comportamenti delle persone sono la vera chiave essenziale: mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani sono le armi che abbiamo». Così il ministro della Salute Roberto Speranza alla manifestazione a Roma, a Piazza del Popolo, promossa di Cgil e Funzione Pubblica Cgil 'Sanità pubblica e per tuttì con il segretario generale Maurizio Landini.

 La circolazione del Coronavirus è una «circolazione molto significativa» di fronte alla quale abbiamo bisogno di «alzare il livello di guardia. In queste ore abbiamo fatto alcune scelte e quella della mascherina obbligatoria anche all’aperto è una prima scelta che va in questa direzione, abbiamo bisogno di un coordinamento ancora più forte con le Regioni, e abbiamo bisogno di valutare ora dopo ora l’evoluzione epidemiologica». «Decisivo restano i comportamenti delle persone»

Serve di nuovo un contributo profondo di tutti. So che stiamo chiedendo sacrifici. Stare in questa piazza bellissima con le mascherine distanziate è un costo sì, è un costo, ma c'è poco da fare. Anche per me parlare con la mascherina è un costo ma è ncessario e indispensabile perchè non possiamo vanificare i sacrifici straordinari che abbiamno fatto finora. Abbiamo dimostrato, e quando dico abbiamno non penso al Governo ma penso al Paese. Abbiamo dimostrato nei giorni pià difficili di essere un grande Paese, non il Governo, voglio essere chiaro, l’Italia. Dobbiamo dimostrarlo di nuovo perchè i mesi che arrivano non sono semplici e dobbiamo dimostrare ancora di essere un grande Paese». Così il ministro della Salute Roberto Speranza alla manifestazione a Roma promossa da Cgil e Funzione Pubblica Cgil 'Sanità pubblica e per tuttì con il segretario generale Maurizio Landini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA