Sei in Italiamondo

benevento

Maxirissa, chiama il padre che arriva con la katana

11 ottobre 2020, 18:22

Maxirissa, chiama il padre che arriva con la katana

 La più celebre, quella forgiata da Hattori Hanzo, è diventata un cult cinematografico grazie a Quentin Tarantino e al suo Kill Bill. Ed era qualcosa di simile alla 'spada della sposà la katana - caratteristica spada giapponese usata dai samurai - brandita ieri sera da un 60enne di Benevento per risolvere una maxirissa che ha visto coinvolto il figlio nella centrale piazza Risorgimento. Alla fine il bilancio è stato di cinque persone ferite e due arrestate. 
Secondo una prima ricostruzione, tutto è cominciato con l'aggressione di un 37enne di Benevento da parte di alcuni coetanei. Costui per difendersi ha chiamato il padre che è arrivato armato di una katana lunga 80 centimetri. Sul posto nel frattempo sono giunti gli agenti della Questura del capoluogo e i carabinieri del comando provinciale per riportare la calma. 
Gli agenti di polizia hanno subito individuato e bloccato l'uomo che brandiva la «katana» all’indirizzo dei presenti dopo averne colpiti alcuni. Alla vista degli agenti ha cercato di disfarsi della spada e di darsi alla fuga ma è stato bloccato e identificato: è un sessantenne di Benevento, già noto per i suoi trascorsi penali. I carabinieri invece sono intervenuti nell’istituto scolastico Mazzini, dove secondo le indicazioni dei passanti si era rifugiato il figlio. I militari, una volta giunti, lo hanno bloccato e identificato. 
I feriti sono cinque in tutto. Quattro sono vittime della violenza di padre e figlio: tutti soccorsi e trasportati nei due ospedali di Benevento, hanno riportato ferite da taglio provocate dalla spada ma tre sono in buone condizioni e sono stati già dimessi mentre il quarto è in osservazione all’ospedale San Pio. 
Il quinto ferito è lo stesso 37 enne che nel colpire ripetutamente i passanti ha riportato a sua volta lesioni non gravi. Padre e figlio sono stati quindi arrestati con l’accusa di lesioni aggravate e porto abusivo di armi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA