Sei in Italiamondo

imperia

Avevano il reddito di cittadinanza ed erano accaniti giocatori d'azzardo

23 ottobre 2020, 08:28

Avevano il reddito di cittadinanza ed erano accaniti giocatori d'azzardo

Venti imperiesi che tra il 2019 e il 2020, simulando di essere in povertà hanno percepito il reddito di cittadinanza, sono risultati accaniti giocatori d'azzardo sulle piattaforme on-line arrivando a puntare complessivamente centinaia di migliaia di euro. Sono tutti indagati nell'ambito di una inchiesta coordinata dalla procura di Imperia.

Lo rende noto la Guardia di Finanza, che ipotizza l'uso di fonti di reddito occultate al fisco, visto che avevano dichirato nei moduli per ottenere il reddito di cittadinanza di non avere disponibilità economiche

Le fiamme gialle sono arrivate ad individuarli attraverso una serie di controlli incrociati sulle banche dati. I venti indagati erano tutti titolari di conti gioco online che alimentavano con ricariche di denaro in contanti o bonifici e giroconti direttamente dai propri conti correnti personali o da carte di credito ricaricabili.

Nei confronti degli indagati il gip di Imperia ha emesso un decreto di sequestro preventivo delle somme indebitamente percepite, circa 160 mila euro complessivi. Quest'ultimi rischiano una pena da due a sei anni di reclusione, per aver reso dichiarazioni false e per aver attestato circostanze non veritiere per ottenere indebitamente il beneficio del reddito di cittadinanza.Tutte le posizioni illecite sono state inoltre state segnalate all'Inps per la revoca del beneficio economico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA