Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

Locatelli: "Faremo di tutto per evitare il lockdown"

24 ottobre 2020, 11:48

Locatelli: "Faremo di tutto per evitare il lockdown"

«I numeri delle Terapie intensive sono ancora significativamente inferiori agli oltre 4 mila malati di inizio aprile: siamo al 25% di quel picco. Lo Stato ha attivato ed è in condizione di attivare nuovi posti letto in numero adeguato. Lo stesso discorso vale per i ventilatori». Così, in un’intervista a 'Il Fatto Quotidiano" il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli. 
«Quando si arriverà a una soglia del 30% di occupazione dei posti letto a disposizione salirà l’allerta - ha aggiunto - adesso siamo al 10-15% e comunque l’attenzione è alta. Tutto l'ordinario deve continuare a essere garantito». Rispetto al coprifuoco delle 21, Locatelli osserva che «servono almeno un paio di settimane per avere effetti sulla curva epidemica. Altre misure? Lo diranno i numeri. Chiudere alle 21 penalizzerebbe attività come i ristoranti già in crisi grave. La cosa importante è evitare assembramenti» e «un patto generazionale: a perdere la vita per il Covid sono in maggior misura ultrasessantenni. I giovani devono tutelarli con i comportamenti».

Conte, inoltre, «ha ragione» sul no al lockdown: «avrebbe conseguenze sociali ed economiche inaccettabili. E la scuola va tutelata a tutti i costi: nella peggiore delle ipotesi sarà l’ultima da sacrificare». De Luca ha annunciato il lockdown regionale in Campania, andrebbe chiusa anche Milano? «Il problema di Milano - ha risposto - è la densità abitativa, le abitudini sociali e lavorative e qualche fattore ambientale" come «l'inquinamento».

In generale «stiamo facendo in queste ore riflessioni con Speranza, Brusaferro e Ippolito per identificare parametri volti a stabilire soglie: combinazioni di numeri tra contagiati rispetto a tamponi, occupazioni delle terapie intensive e ricoveri ordinari, morti. L’idea è arrivare a definire un meccanismo che faccia scattare dei livelli di restrizioni fino alla peggiore ipotesi del lockdown nazionale a cui faremo di tutto per non arrivare».