Sei in Italiamondo

parla il premier

Conte: "Lo stress sul sistema sanitario è preoccupante. Per le categorie penalizzate arriveranno subito contributi"

25 ottobre 2020, 13:36

Conte: "Lo stress sul sistema sanitario è preoccupante. Per le categorie penalizzate arriveranno subito contributi"

"Gli ultimi dati non ci possono lasciare indifferenti. La diffusione del contagio e lo stress sul sistema sanitario mazionale hanno raggiunto livelli preoccupati. l'indirce Rt ha raggiunto la soglia critica di 1,5.". E' così che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha aperto la conferenza stampa da Palazzo Chigi. 

"Noi vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica - ha continuato - Gestire la pandemia significa mettere in condizione gli ospedali di prendersi cura dei pazienti e scongiurare un lockdown generalizzato. il Paese non puo più permetterselo, l'economia non può permetterselo. Non abbiamo introdotto il coprifuoco, non è una parola che amiamo ma raccomandiamo di muoversi solo per motivi di lavoro, salute studio e necessità. e di non ricevere a casa persone che non siano del nucleo familiare». 

"Mi rendo conto dei nuovi sacrifici che chiediamo di nuovo ad alcune categorie. Non mi piace fare promesse, ma prendo l'impegno: sono già pronti gli indennizi per le categorie penalizzate da queste nuove norme. Saranno nuovi contributi a fondi perduto". «I ristori arriveranno direttamente sul conto corrente dei diretti interessati con bonifico bancario dell’Agenzia delle Entrate. Ci sarà un credito d’imposta per gli affitti commerciali per i mesi di ottobre e novembre. Verrà cancellata la seconda rata Imu dovuta entro il 16 dicembre».

«L'Italia è un grande paese, l'abbiamo dimostrato la scorsa primavera, ce l’abbiamo fatta nella prima fase e ce la faremo anche adesso». Lo dice il premier  Conte, sottolineando che le misure prese adesso servono per evitare di chiudere tutto per Natale. «Riusciremo così ad affrontare dicembre e le festività natalizie con maggiore serenità». 

 «I dati che stiamo esaminando dicono che la pandemia sta correndo in maniera uniforme e critica in tutta italia. Di qui l’intervento del governo a ridefinire quadro di misure restrittive. E potremo già nei prossimi giorni lasciare alle regioni di concordare con noi misure più restrittive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA