Sei in Italiamondo

terrorismo

Nizza, attacco all'arma bianca vicino Notre Dame: morte tre persone, due decapitate, e diversi feriti

29 ottobre 2020, 09:40

Nizza, attacco all'arma bianca vicino Notre Dame: morte tre persone, due  decapitate, e diversi feriti

Attacco all’arma bianca nei pressi della chiesa di Notre-Dame, a Nizza: secondo un primo bilancio, scrive BFM-TV, sarebbe di tre morti e diversi feriti.  Le vittime dell’attentato nella chiesa di Notre-Dame a Nizza sono 3, due donne e un uomo, secondo quanto confermano fonti della polizia a BFM-TV. Le due persone morte all’interno della cattedrale sono state «sgozzate" o «decapitate», secondo le diverse fonti. Una terza vittima, una donna, si è rifugiata in un bar vicino alla chiesa, dove è morta poco dopo per le conseguenze delle ferite, riferisce la radio France Info. 

E’ stato fermato l’autore dell’attacco: è quanto riferiscono fonti di polizia citate dall’agenzia France Presse. «Tutto lascia supporre un attentato terroristico in seno alla basilica di Notre-Dame», dice il sindaco Christian Estrosi.

Secondo fonti di Nice Matin, il quotidiano di Nizza, nell’attentato all’interno della cattedrale di Notre-Dame, sono morte due persone, un uomo e una donna. L'uomo, di 70 anni, sarebbe stato «decapitato». 

Le autorità francesi lanciano un forte appello ad evitare la zona dell’attacco nei pressi della Basilica di Notre-Dame, a Nizza. «Evitate il settore e seguite le indicazioni», ha scritto il ministro dell’Interno, Gèrald Darmanin. Stesso messaggio sul profilo Twitter della Police Nationale. «Operazione polizia in corso. Evitate il settore Notre-Dame-Centro-Città-Nizza». Intanto, una cellula di crisi è stata aperta a Place Beauvau, sede parigina del ministero dell’Inerno. Un minuto di silenzio osservato all’Assemblea Nazionale.

«L'autore dell’attentato, mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia, continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar": lo ha riferito il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, intervistato da BFM-TV. Per Estrosi, «non c'è alcun dubbio sulla natura dell’attacco».

Il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, ha chiesto che «tutte le chiese siano messe sotto sorveglianza o chiuse, così come tutti gli altri luoghi di culto della città». 
«Quando è troppo è troppo - ha detto Estrosi parlando con i giornalisti dopo l’attentato - adesso è ora che la Francia metta da parte le regole di pace per annientare definitivamente l'islamo-fascismo sul nostro territorio». 

L’assalitore di Nizza si chiamerebbe 'Brahim' e ha parlato in arabo alla polizia che lo ha neutralizzato. In ospedale ha detto di aver agito da solo. Lo riferiscono vari media francesi tra cui Le Parisien e Le Monde.

Macron a Nizza

 Il presidente francese, Emmanuel Macorn, è giunto a Nizza, dopo l’attacco che ha causato 3 morti alla basilica Notre-Dame de l’Assomption. Dopo aver incontrato il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, il presidente si sta intrattenendo attualmente con le forze di sicurezza e di soccorso mobilitate sul posto.

La condanna di Papa Francesco

 «Informato del feroce attacco che è stato perpetrato questa mattina in una chiesa di Nizza, provocando la morte di diverse persone innocenti», papa Francesco «si unisce in preghiera con la sofferenza delle famiglie colpite e condivide il loro dolore». Così il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin in un telegramma di cordoglio per le vittime dell’attentato alla Basilica di Notre-Dame, inviato a nome del Papa al vescovo di Nizza, mons. Andrè Marceau. Il Pontefice «chiede al Signore di portare loro il conforto e affida le vittime alla sua misericordia». «Condannando nel modo più forte possibile tali violenti atti di terrore», prosegue il messaggio, Francesco «assicura la sua vicinanza alla Comunità cattolica di Francia e a tutto il popolo francese che chiama all’unità». «Affidando la Francia alla protezione di Notre-Dame - conclude -, dà con tutto il cuore la Benedizione Apostolica a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia». 

Fermato a Lione afghano con coltello

Un afghano armato di coltello è stato fermato oggi a Lione, nel centro della Francia. Lo si apprende da fonti degli inquirenti. 

Avignone, ucciso dalla polizia un uomo armato 

Un uomo armato di un coltello è stato ucciso dalla polizia ad Avignone: è quanto riferisce radio Europe 1, precisando che l’uomo avrebbe tentato di attaccare dei polizioti in strada, verso le 11:15. L’aggressore avrebbe gridato 'Allah Akbar'. 

Attacco al consolato francese a Gedda

Attacco al consolato francese a Gedda, in Arabia Saudita, dove una guardia è stata ferita da un assalitore saudita. Lo riferiscono i media sauditi.