Sei in Italiamondo

AUSTRIA

Vienna, il killer era dell'Isis. Arrestate cinque persone. Almeno 4 morti civili, 17 feriti. Il riepilogo - Foto - Video

03 novembre 2020, 11:55

Vienna, il killer era dell'Isis. Arrestate cinque persone. Almeno 4 morti civili, 17 feriti. Il riepilogo - Foto - Video

 L’Isis ha rivendicato l’attentato a Vienna. Lo riferisce la direttrice del Site, Rita Katz. In una dichiarazione sui propri mezzi di propaganda, l’Isis ha affermato che Abu Dujana al-Albani ha effettuato l’attacco con pistole e coltelli come «soldato del califfato». 

Nelle indagini in corso sugli attacchi a Vienna di ieri sera, sono state arrestate tre persone: due a St. Poelten, a circa un’ora dalla capitale, e una a Linz. Lo riporta l’agenzia austriaca Apa. Due persone sono state arrestate in Svizzera in quanto collegate con l’attacco in Austria. Lo ha reso noto la polizia elvetica. 

Sale il bilancio delle vittime dell’attacco di ieri sera a Vienna con almeno quattro civili morti, oltre all’attentatore ucciso dalla polizia, e  22 feriti, di cui sette in pericolo di vita. L’Austria si è svegliata scioccata con le scuole chiuse e l’invito a rimanere a casa mentre la comunità ebraica ha deciso la serrata di tutte le sue istituzioni e istituti: gli attentatori, un vero e proprio commando ben addestrato, potrebbe essere di 4 persone, secondo gli inquirenti. 

Iniziano intanto a trapelare le prime notizie sull'attentatore ucciso dalla polizia: all’alba il ministro dell’Interno austriaco, Karl Nehammer, ha rivelato la matrice islamista degli attacchi, sottolineando che l’uomo era un «simpatizzante» dell’Isis. E con il passare delle ore i media hanno dato corpo a questo scenario indicando che l’uomo era un giovane viennese di origini albanesi della Macedonia del Nord. Secondo il responsabile della rivista austriaca Falter, Florian Klenk, si chiamava «Kurtin S.» era «nato nel 2000 a Vienna, dove era cresciuto».

Al momento non ci sono indizi sul fatto che nell'attacco   possa esserci stato anche un secondo attentatore, oltre al giovane ventenne neutralizzato dalla polizia. Lo ha detto il ministro dell'Interno tedesco, Karl Nehammer. Per prudenza gli inquirenti non escludono comunque che vi possano essere stati più responsabili e continuano a indagare anche su questo scenario. Lo stesso ministro ha aggiunto che "sono stati eseguiti 14 fermi temporanei".  

Il giovane, ha aggiunto, era noto ai servizi di sicurezza antiterrorismo (Bvt) per essere stato uno dei 90 islamisti austriaci che hanno cercato di recarsi in Siria. Secondo altri media austriaci poco prima di entrare in azione l'uomo aveva prestato giuramento di fedeltà al nuovo leader dell’Isis Abu Ibrahim al-Hashimi al-Quraishi. Per il momento, però, gli attacchi non sono stati rivendicati mentre la Bild riferisce che avrebbe postato sui social il suo intento ieri. 

Perquisizioni a tappeto e fermi sono intanto in corso nel Paese alla ricerca degli altri possibili attentatori. E anche la Germania, dopo una decisione analoga presa ieri dalla Repubblica ceca, ha alzato l’allerta controlli alle sue frontiere. 
Quanto alle vittime civili, per ora è noto solo che si tratta di due uomini e due donne, una delle quali era una cameriera. 


La polizia austriaca sta cercando in queste ore di ricostruire la dinamica degli attentati anche attraverso oltre 20mila video inviati online dal pubblico. Un team di 35 investigatori li sta esaminando. Nel complesso, sono al lavoro un migliaio di agenti provenienti anche dalla Niederoesterreich e dal Burgenland, mentre 75 militari dell’esercito federale sono stati inviati a difendere gli obiettivi sensibili. 

Oggi il governo austriaco, che si è riunito in una seduta speciale, ha decretato tre giorni di lutto nazionale. E il cancelliere Sebastian Kurz, ha parato alla nazione dicendosi 'sconvoltò e sottolineando che si tratta di 'un’ora buia per la Repubblicà . Già nella notte aveva detto che si è trattato di un «attacco terroristico disgustoso», aggiungendo che l’Austria non si lascerà intimidire dal terrorismo. Dopo l’ondata di cordoglio e sostegno arrivata da tutto il mondo nella notta, stamattina la cancelliera tedesca Angela Merkel ha scritto su Twitter che «i tedeschi sono al fianco degli amici austriaci con partecipazione e solidarietà». E poi: «Il terrorismo islamico è un nostro comune nemico. La lotta contro questi delitti e contro questi attentati è la nostra lotta comune».