Sei in Italiamondo

bonus

Decreto ristori, aiuti anche allo sport

09 novembre 2020, 14:21

Decreto ristori, aiuti anche allo sport

Il decreto Ristori bis è stato bollinato dalla Ragioneria generale dello Stato: il testo, che l'ANSA può anticipare, sale a 33 articoli e include anche alcune misure per i precari dello sport. In particolare si consente di utilizzare i risparmi nell’erogazione delle precedenti indennità per i lavoratori sportivi per finanziare il nuovo bonus da 800 euro anche per i contratti scaduti e non rinnovati fino al 30 ottobre. Il provvedimento sarà quindi trasmesso al Quirinale per la firma e la successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. 

Un fondo di 340 milioni nel 2020 e 70 milioni nel 2021 per aiutare ulteriori attività se ci saranno nuove zone arancioni o rosse. Lo prevede il decreto ristori bis, bollinato e in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. 
Il provvedimento stanzia circa 1 miliardo per i contributi a fondo perduto ai nuovi codici Ateco aggiunti alla lista del Ristori 1 le nuove categorie coinvolte dalla stretta anti-Covid. Altri 280 milioni vengono stanziati nel 2021 per i ristori delle attività nei centri commerciali e per la filiera alimentare. 
Stanziati anche 234 milioni nel 2020 (e 78 nel 2021) per il credito d’imposta sugli affitti, 38 milioni per il ristoro ai Comuni per l’estensione della cancellazione dell’Imu, e 35,8 milioni per la sospensione delle tasse per gli Isa e circa mezzo miliardo per lo stop ai versamenti di novembre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA