Sei in Italiamondo

il caso

Calabria, "no" di Gaudio: è il terzo commissario alla Sanità in 10 giorni

17 novembre 2020, 15:57

Calabria, "no" di Gaudio: è il terzo commissario alla Sanità  in 10 giorni

La sanità calabrese è ancora senza commissario. Eugenio Gaudio, nominato ieri dal Consiglio dei Ministri dopo le dimissioni di Giuseppe Zuccatelli, ha rinunciato al suo incarico. "Mia moglie - ha spiegato  il professore, rettore dell’Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e di origine cosentine - non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare". Riguardo alle notizie sul coinvolgimento dell’estate 2019 nell’inchiesta sull'Università di Catania Gaudio ha chiarito: "Il procuratore di Catania ha appena fatto sapere al mio avvocato che è andato a depositare la richiesta di archiviazione per il mio presunto abuso di ufficio".

Nessun colloquio ha avuto luogo tra l'ex rettore della Sapienza Eugenio Gaudio ed il ministro della Salute Roberto Speranza. Lo si apprende da fonti del ministero. Il neo commissario alla Sanità in Calabria Eugenio Gaudio ha oggi rinunciato al suo incarico per «motivi personali».

Gino Strada non sarebbe disponibile a ricoprire il ruolo di commissario alla Sanità in Calabria. Lo spiegano diverse fonti di maggioranza e di governo. Il fondatore di Emergency, come emerso ieri, avrebbe dato la sua disponibilità a dare una mano soprattutto sul fronte dell’emergenza Covid nella Regione, dove Emergency è già presente. Dopo la rinuncia di Eugenio Gaudio, a meno di ventiquattro ore dalla sua nomina in Cdm, si riapre il nodo della scelta di un nuovo commissario alla Sanità calabrese.

Strada, in una lettera aperta: "Nulla di definito"

Apprendo dai media che ci sarebbe un tandem Gaudio-Strada a guidare la sanità in Calabria. Questo tandem semplicemente non esiste. Ribadisco di aver dato al Presidente del Consiglio la mia disponibilità a dare una mano in Calabria, ma dobbiamo ancora definire per che cosa e in quali termini. Sono abituato a comunicare quando faccio le cose - a volte anche dopo averle fatte - quindi mi trovo a disagio in una situazione in cui si parla di qualcosa ancora da definire. Ringrazio il Governo per la fiducia e rinnovo la disponibilità a discutere di un possibile coinvolgimento mio e di Emergency su progetti concreti per l’emergenza sanitaria che siano di aiuto ai cittadini calabresi.