Sei in Italiamondo

Pfizer: "La seconda dose del vaccino ok anche dopo 19-42 giorni"

«Richiamo dopo 6 settimane solo se necessario"

26 gennaio 2021, 19:59

Pfizer: "La seconda dose del vaccino ok anche dopo 19-42 giorni"

La Pfizer conferma che la seconda dose del suo vaccino anti-covid, se necessario, potrebbe essere somministrata, sino a 42 giorni dopo la prima iniezione, e non esclusivamente entro i 21 giorni inizialmente previsti.

«Bisogna assicurarsi che il richiamo avvenga secondo i dati di efficacia - ha detto l’amministratore delegato di Pfizer, Bourla a Bloomberg - che sono 3 settimane. Ma 1 o 2 settimane in più non dovrebbero essere un problema».

«Nei nostri studi - ha precisato - i volontari hanno ricevuto la seconda dose in una finestra tra i 19 ed i 42 giorni. Entro questi tempi va bene. Oltre no».

La scorsa settimana, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) avevano autorizzato l’opzione di fornire la seconda dose di vaccino dopo 42 giorni - a fronte delle carenze nelle forniture della Pfizer-BioNtech e della Moderna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA