Sei in Italiamondo

attacco

Congo, attacco a un convoglio: morti l'ambasciatore italiano e un carabiniere

22 febbraio 2021, 12:06

Congo, attacco a un convoglio: morti l'ambasciatore italiano e un carabiniere

Uccisi in un attentato a Goma nella Repubblica Democratica del Congo a colpi di arma da fuoco l’ambasciatore italiano Luca Attanasio e il carabiniere 30enne che lo accompagnava, Vittorio Iacovacci. Ucciso anche l'autista della loro vettura. Forse si è trattato di un tentato rapimento contro un convoglio della missione Onu per la stabilizzazione del Paese africano, che comprendeva anche il capo delegazione Ue.

Dolore e cordoglio dalle più alte cariche istituzionali. Mattarella: 'Italia in lutto per questi servitori dello Statò. Draghi segue gli sviluppi. Di Maio rientra a Roma: 'Giornata buia, riferirò appena possibile in Parlamentò. 'E' una missione, a volte anche pericolosa, ma abbiamo il dovere di dare l’esempiò, diceva del suo lavoro Attanasio. --

La matrice dell’attacco, avvenuto stamane intorno alle 10,  non è ancora chiara. La vettura faceva padre di un convoglio della Monusco che comprendeva anche il Capo Delegazione Ue. Massima apprensione della Farnesina che sta seguendo gli sviluppi L’ambasciatore è stato colpito da colpi di arma da fuoco ed è morto «in seguito alle ferite riportate». 

 Sono molti i gruppi armati che operano nella zona dei monti Virunga, fra Congo, Ruanda e Uganda, e spesso prendono di mira i ranger del parco, famoso per i gorilla di montagna. 

Si chiamava Vittorio Iacovacci il carabiniere ucciso nell’attentato in Congo dove ha perso la vita anche l’ambasciatore italiano. Iacovacci aveva 30 anni.  Iacovacci è originario di Sonnino, in provincia di Latina. Era effettivo al 13/mo Reggimento Carabinieri 'Friuli Venezia Giulià con sede a Gorizia. Aveva prestato servizio anche alla Folgore. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA