Sei in Italiamondo

covid

Il sindaco di Forte dei Marmi torna a fare il medico: "Vado a fare i vaccini"

19 marzo 2021, 17:49

Il sindaco di Forte dei Marmi torna a fare il medico: "Vado a fare i vaccini"

E’ tornato a indossare il camice dopo la pensione rispondendo alla chiamata per diventare medico vaccinatore, pur continuando a svolgere il ruolo di primo cittadino. E’ la scelta di Bruno Murzi, sindaco di Forte dei Marmi (Lucca) eletto nel 2017, cardiochirurgo e primario dell’ospedale Opa di Massa (Massa Carrara) fino alla fine del 2019 quando è entrato in pensione. 
«Mi sono ritrovato nel mezzo del problema della pandemia che ho vissuto come sindaco e anche come medico - spiega Murzi -. Sono convinto che noi usciremo da questa problematica, anche socioeconomica, solo quando debelleremo il problema sanitario. Non possiamo continuare, e siamo costretti a farlo, con le zone rosse, arancioni e gialle, senza dare certezze, dobbiamo arrivare a una immunità di comunità». 


Murzi spiega di aver «seguito con particolare interesse l'evoluzione dei vaccini, e quando a dicembre scorso è uscito il bando per i medici dei vaccinatori, che l’ex commissario per l'emergenza Arcuri ha definito una chiamata alle armi perchè ci sono da vaccinare milioni di italiani, ho dato immediatamente la mia disponibilità. Sono stato chiamato nei mesi scorsi, e da allora è iniziata una sorta di avventura burocratica. Dopo una serie di corsi e anche una visita medica mi hanno dichiarato finalmente 'abile'. Dovrei prendere servizio questa settimana e iniziare a effettuare le prime vaccinazioni a breve. Mi sono dichiarato disponibile part time, perchè facendo il sindaco non posso dedicare altro tempo». 
Per Murzi, «è una scelta fatta volentieri. Penso che sia giusto dare una mano, ho sentito anche tanti altri colleghi in pensione che si sono resi disponibili. Fino a quando non saremo immuni noi facciamo solo una guerra di contenimento. Non vinciamo la guerra solo con le zone rosse. In questa fase ritengo poi che le zone rosse dovrebbero essere molto più accentuate».