Sei in Italiamondo

Donna uccisa e cadavere scomparso, condannato compagno

25 marzo 2021, 09:52

Donna uccisa e cadavere scomparso, condannato compagno
(ANSA) - PALERMO, 25 MAR - La Corte d'Assise di Trapani, presieduta da Enzo Agate (a latere Franco Messina), ha condannato all'ergastolo il salemitano Vincenzo Caradonna, 48 anni, accusato dell'omicidio della compagna Angela Stefani, il cui cadavere non fu ritrovato, avvenuto nel gennaio 2019 a Salemi. La Corte ha accolto la richiesta del pubblico ministero Antonella Trainito, escludendo che Caradonna fosse meritevole della concessione di alcuna attenuante, nonché ritenendo che l'imputato fosse capace di intendere e di volere. Le indagini sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo e coordinate dal Procuratore capo di Marsala Vincenzo Pantaleo. Secondo gli inquirenti (che si sono avvalsi anche dei colleghi del Ris di Messina) Caradonna, secondo la sentenza, uccise barbaramente la sua convivente tra le mura domestiche. Nella fase delle indagini, le analisi dei Ris sulla scena del crimine in relazione agli schizzi di sangue provocati dal movimento dell'arma del delitto, avevano stabilito che l'autore dei colpi inferti ad Angela Stefani non potesse che avere utilizzato la mano sinistra. Caradonna è stato, inoltre, condannato per il delitto di soppressione di cadavere del corpo di Angela Stefani. Le vane ricerche della donna hanno seguito un binario parallelo rispetto alle indagini di polizia che hanno evidenziato come il Caradonna, subito dopo l'omicidio della compagna avesse tentato di allontanare i sospetti da sè, anche inquinando la scena del crimine. L'abitazione infatti è stata oggetto di sopralluogo minuzioso del Ris di Messina che, oltre ad evidenti tracce del delitto, ha rilevato anche una consistente e grossolana attività di ripulitura di altre copiose tracce di sangue. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA