Sei in Italiamondo

Polonia, rockstar attacca la legge sulla blasfemia

31 marzo 2021, 17:15

Polonia, rockstar attacca la legge sulla blasfemia
(ANSA-AFP) - VARSAVIA, 31 MAR - Accusato di blasfemia in Polonia, Adam "Nergal" Darski, cantante e chitarrista del gruppo rock radicale di fama internazionale Behemoth, ha lanciato con successo una raccolta fondi per difendere la libertà di espressione artistica. A metà febbraio, Nergal è stato multato da un tribunale di Varsavia in un processo, il sesto fino ad oggi, per aver insultato sentimenti religiosi o simboli nazionali. Ha fatto appello. L'artista è accusato di aver calpestato un'immagine della Vergine Maria e ha documentato il gesto, nel 2019, sul suo sito Instagram. In precedenza, ha strappato la Bibbia sul palco e ha criticato senza mezzi termini la Chiesa cattolica. Nergal è uscito indenne da tre precedenti processi. Creato nel 1991, il suo gruppo Behemoth, ha conosciuto un'ascesa impressionante sulla scena metal estrema mondiale, con il suo immaginario pagano, occulto e satanico, ma anche la particolare attenzione alla qualità dei concerti e al lato visivo delle performance. Ciascuno dei suoi dischi, clip e concerti è una celebrazione oscura come l'inferno, che esplode di suoni estremamente pesanti e potenti, su uno sfondo e costumi degni dei film dell'orrore. (ANSA-AFP).

© RIPRODUZIONE RISERVATA