Sei in Italiamondo

Covid: consegnate chiavi Sciacca dal sindaco a Fauci

22 aprile 2021, 21:12

Covid: consegnate chiavi Sciacca dal sindaco a Fauci
(ANSA) - SCIACCA, 22 APR - "Ringrazio il sindaco di Sciacca (Ag) Francesca Valenti per l'illustre onore che simbolicamente da lei ricevo delle chiavi della sua città; sono profondamente commosso nell'accettarle, lo faccio a nome dei miei nonni paterni Antonino e Calogera, che all'alba del Novecento, proprio da questo comune emigrarono negli Stati Uniti". Sono state queste le parole pronunciate oggi pomeriggio in videoconferenza dall'immunologo statunitense Anthony Fauci in occasione dell'apertura dell 23° convegno nazionale della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica). In collegamento da Sciacca, invitata appositamente dagli organizzatori del convegno medico, anche la prima cittadina, che ha conferito al professor Fauci la cittadinanza onoraria, rimandando naturalmente alla fine della pandemia la cerimonia ufficiale da tenersi al comune, alla presenza fisica dell'illustre neoconcittadino. "E io - ha detto Fauci - non vedo l'ora di venire a Sciacca, non appena questo sarà possibile". Lo scienziato si è detto orgoglioso delle sue origini siciliane, aggiungendo di avere concentrato nella scienza medica tutti i suoi sforzi, attribuendo a questi lo spirito di gratitudine per i valori trasmessi dai nonni ai suoi genitori e da questi a lui. "Il mio impegno nel servizio pubblico e nella ricerca scientifica - ha concluso - è stato il mio modo di ricambiare i valori che ho ricevuto dai miei predecessori". Valenti, dal canto suo, ha manifestato soddisfazione per il senso di appartenenza dichiarato da Fauci nei confronti della comunità di Sciacca, sottolineando come l'immunologo "sia oggi un personaggio di straordinaria rilevanza all'interno della comunità scientifica internazionale". Durante il suo intervento, a proposito del Covid, Fauci ha messo in guardia chi pensasse che la sola campagna di vaccinazione sarà sufficiente a sconfiggere il virus: "nonostante i vaccini siano essenziali, e malgrado occorra vaccinare quante più persone possibili, dobbiamo comunque continuare a seguire le misure di prevenzione almeno fino a quando non acquisiremo un vantaggio netto nei confronti della malattia". (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA