Sei in Italiamondo

covid

Malta, oltre 500 studenti di inglese positivi. 157 sono italiani. In settimana i voli di rimpatrio

21 luglio 2021, 11:05

Malta, oltre 500 studenti di inglese positivi. 157 sono italiani. In settimana i voli di rimpatrio

Sono oltre 500 i giovani studenti di lingue risultati positivi a Malta, circa un quarto di tutti i casi attivi nell'arcipelago dove ai primi di luglio si sono accesi focolai in una dozzina di scuole d'inglese.

Il dato è stato fornito dal ministero della salute al Times of Malta, mentre da lunedì scorso l'agenzia statale per il turismo (Mta) ha cominciato a rimpatriare con voli speciali gli studenti di Italia, Francia, Germania e Spagna negativi ai test ma messi in quarantena per essere stati a contatto con compagni positivi.

"Circa il 60% dei nuovi casi giornalieri viene da non residenti. Va anche notato che la maggioranza di questi è nella fascia degli under 19" ha affermato un portavoce del ministero. Le oltre 40 scuole d'inglese presenti a Malta sono state chiuse mercoledì scorso dopo che erano state fortemente promosse dal ministero del turismo con una serie di incentivi, tra cui voucher del valore di 300 euro (da spendere ovunque sull'arcipelago per ristoranti e servizi) ad ogni studente che avesse prenotato una vacanza-studio.

Nonostante la chiusura delle scuole, è visibile sull'arcipelago la presenza di migliaia di studenti che hanno comunque deciso di concludere la vacanza a Malta. 

 L’agenzia governativa per il turismo maltese (Mta) ha deciso di organizzare voli di rientro in patria per gli studenti d’inglese risultati positivi e posti in quarantena. Complessivamente a Malta sono oltre 500, di cui 157 italiani secondo i dati delle autorità maltesi. Il charter per i nostri connazionali dovrebbe partire entro la fine della settimana, probabilmente venerdì. La Mta, a quanto si apprende, stamani ha chiesto ai responsabili dei gruppi di studenti delle scuole d’inglese di compilare gli elenchi degli studenti posti in quarantena che vogliano anticipare il rientro raccogliendo anche il consenso delle famiglie. (ANSA).