Sei in Italiamondo

coronavirus

Impennata di nuovi casi in Francia e Gran Bretagna (morti aumentati del 60% in 1 settimana)

21 luglio 2021, 16:23

Impennata di nuovi casi in Francia e Gran Bretagna (morti aumentati del 60% in 1 settimana)

Sono 44.104 i casi di Covid nelle ultime 24 ore nel Regno Unito e 73 i morti, secondo i dati diffusi dal governo britannico. Il numero di nuovi contagi nell’ultima settimana è aumentato del 35,8% rispetto ai sette giorni precedenti. Nello stesso periodo i decessi sono cresciuti del 59,8%. 

 Continua l’impennata del coronavirus in Francia. Nel corso di un intervento all’Assemblea Nazionale, il ministro della Salute Olivier Vèran ha annunciato questo pomeriggio 21.000 nuovi casi di contagi nelle ultime 24 ore, con un «aumento dei ricoveri e diverse centinaia di persone vulnerabili». Ieri, la Francia aveva annunciato un aumento esponenziale dei casi legati alla variante Delta del coronavirus, con 18.000 nuovi casi contro meno di 7.000 la settimana precedente. 

«Preparate i documenti». Da questa mattina, in Francia, per andare al cinema, al museo o negli impianti sportivi bisogna presentare una prova di vaccinazione contro il coronavirus oppure un test negativo. Oltralpe, dopo giorni di relativa calma, i casi stanno esplodendo, in particolare, per la variante Delta in forte progressione. In una settimana, si è passati da meno di 7.000 nuovi contagi a 18.000. Una cosa «mai vista», come detto dal ministro della Salute Olivier Vèran, che induce l’esecutivo ad accelerare al massimo contro il nemico invisibile. Mentre il portavoce del governo Gabriel Attal parla ormai di «quarta ondata», il presidente Emmanuel Macron presiede un consiglio di Difesa sanitario all’Eliseo per fare il punto della situazione e il premier Jean Castex è atteso in tv per illustrare le nuove misure anti-Covid. 
Da oggi il pass sanitario è obbligatorio nei luoghi di cultura o di svago, come gli impianti sportivi, con oltre 50 persone (contro 1.000 in precedenza). Castex potrebbe anche annunciare nuove restrizioni locali, mentre l’Assemblea Nazionale esamina nel pomeriggio il progetto di legge che da inizio agosto dovrebbe estendere il green pass anche a caffè, ristoranti, treni o bus di lunga percorrenza.