Sei in Italiamondo

COVID

Preoccupazione a San Marino: il Green pass non è riconosciuto dall'Italia

24 luglio 2021, 10:18

Preoccupazione a San Marino: il Green pass non è riconosciuto dall'Italia

I sammarinesi, vaccinati in maggioranza con lo Sputnik, acquistato direttamente dal Governo del Titano, dal 6 agosto avranno difficoltà ad accedere in Italia ai luoghi dove il nuovo decreto preveda l’utilizzo del Green pass.

Non perché non abbiano il lasciapassare sanitario, ma perché questo non è riconosciuto dall’Italia. Alla notizia della decisione di Roma, di introdurre il green pass per ristoranti e un gran numero di luoghi al chiuso, ma anche all’aperto come i parchi tematici, a San Marino, nonostante la massiccia campagna di vaccinazione e la pressoché totale immunizzazione della popolazione con il siero russo, la preoccupazione è cresciuta. 

«Il green pass sammarinese avrà valenza europea», si è affrettato a rassicurare il segretario agli Esteri, Luca Beccari attraverso i microfoni della televisione di Stato. Ma dalle autorità europee non c'è stata ancora una pronuncia decisa. «Sorprendono - aggiunge - le recenti dichiarazioni nelle quali si sostiene che un Paese membro dell’Use non possa accettare green pass relativi a vaccini non approvati Ema». Per Beccari il problema è tra Ue e Sputnik ma resta il nodo dell’ingresso, per i sammarinesi, in strutture come i ristoranti al chiuso e altri servizi dal 6 agosto. «La mobilità da e per San Marino - ricorda infine - è garantita essendo il Titano in fascia A».