Sei in Italiamondo

CORONAVIRUS

La Gran Bretagna scossa dal pentimento del musicista no-vax morto di Covid

Marcus Birks dall’ospedale aveva invitato tutti a vaccinarsi 

03 settembre 2021, 08:51

La Gran Bretagna scossa dal pentimento del musicista no-vax morto di Covid

I suoi messaggi di pentimento per essere stato un convinto no-vax continuano a circolare sui media britannici e a scuotere il Regno Unito a quattro giorni dalla sua morte per Covid. Il musicista inglese Marcus Birks, 40 anni, è deceduto nella terapia intensiva del Royal Stoke University Hospital (Inghilterra centrale) dopo circa un mese di ricovero. 


Se non ti sei ammalato, non pensi che ti ammalerai, quindi ascolti le teorie no-vax», aveva detto in un’intervista alla Bbc ripresa su molti social media. E poi il componente del duo chiamato 'The Chameleonz' aveva aggiunto: «Quando senti di non avere abbastanza fiato per poter respirare, quella è la sensazione più spaventosa del mondo.» Lui stesso ha ammesso di aver creduto alle informazioni distorte e complottiste che circolavano su internet e in base a quelle deciso di non vaccinarsi. Per poi, durante il ricovero, quando vedeva che la sua salute stava peggiorando irrimediabilmente, lanciare un appello alla vaccinazione rivolto alla sua famiglia e a «chiunque». 


La sua vicenda si è rivelata ancora più toccante per il fatto che la moglie Lis deve partorire il loro primo figlio fra pochi mesi. Lei ha ringraziato per i tanti messaggi di solidarietà ricevuti su Facebook e poi scritto in un post dedicato a Marcus: «Gli ho fatto una promessa che dirò al nostro bambino ogni giorno quanto lo ama, quanto è speciale e come sarebbe stato il miglior papà che un figlio possa desiderare».