Sei in Italiamondo

emergenza

Un femminicidio ogni 72 ore in Italia, quasi tutti in famiglia

10 settembre 2021, 15:21

Un femminicidio ogni 72 ore in Italia, quasi tutti in famiglia

Sei donne uccise in una settimana. E' inquietante la media raccontata dalla cronaca nera più recente, e questi delitti, il più efferato l’assassinio di una ventisettenne domenica nel veronese, rendono ancor più pesante il bilancio del Viminale aggiornato alla settimana scorsa: dal primo gennaio al 5 settembre, dei 186 omicidi avvenuti in Italia, in 76 casi (uno ogni tre giorni, in pratica) le vittime sono state donne: escludendo dieci di queste, tutte sono state uccise in ambito familiare/affettivo, incluse le 47 che hanno trovato la morte per mano del partner o dell’ex, come si legge nell’ultimo report del Servizio analisi criminale, presso la Direzione centrale della Polizia criminale. 
Solo a livello statistico rileva il calo dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2020 (83 femminicidi), in cui complessivamente si è registrato il 5% di omicidi in meno. Il fenomeno della violenza di genere è ormai da tempo un’emergenza sociale. Nel 2020 le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, sono aumentate del 79,5% rispetto all’anno precedente, sia per telefono, sia via chat (+71%). Con un boom da fine marzo, in corrispondenza del lockdown scattato per la pandemia. 
Guardando più indietro, il 2018 si è chiuso con 141 donne vittima di omicidio volontario, e il 2019 con 111, l’88,3% delle quali uccise da una persona conosciuta: quasi metà dal partner, l'11,7%, da un uomo con cui erano state in passato, il 22,5% da un familiare (inclusi i figli e i genitori) e il 4,5% da un conoscente, un amico o un collega.