Sei in Italiamondo

rimini

Uccise il cane della fidanzata con un forcone dopo la lite, condannato

15 settembre 2021, 16:22

Uccise il cane della fidanzata con un forcone dopo la lite, condannato

Aveva litigato con la fidanzata ad un concorso ippico a San Giovanni in Marignano, nel Riminese, ed era stato ritenuto responsabile della morte della cagnolina della donna, una Jack Russel di nome Gina, uccisa a forconate e poi chiusa in una sacco dato alle fiamme. Per quei fatti - avvenuti nell’agosto del 2014 e che avevano destato molto scalpore - il Tribunale di Rimini, lo scorso 10 settembre, ha condannato l’uomo - denunciato ai tempi dalla compagna - a sei mesi di reclusione. A rendere nota la pronuncia della corte romagnola è la Lndc Animal Protection-Lega Nazionale per la Difesa del Cane in una nota pubblicata sul suo sito. 
Secondo quanto ricostruito, la donna al risveglio nel suo van all’indomani dell’alterco con il neo fidanzato, si era accorta della sparizione del cane. Alla richiesta di informazioni, il compagno - che era stato fuori tutta la notte - aveva risposto con un «cercatelo da sola». Dopo diverse ricerche, e con l’aiuto degli organizzatori del concorso ippico, Gina è stata trovata agonizzante poco fuori dalle strutture del centro, martoriata e in parte ustionata, rinchiusa in una busta di plastica. La cagnolina morì alle cinque della mattina successiva. 
«Non era quello che volevamo - osserva nella nota la presidente nazionale Lndc Animal Protection, Piera Rosati - una pena così blanda per una persona tanto pericolosa e che, per di più, ha a che fare con cavalli e altri animali. La crudeltà e la violenza di questo uomo si è scatenata allora verso la povera Gina ma, ma potrebbe riesplodere all’improvviso verso altre creature indifese. Purtroppo l’altra denuncia» verso l’uomo «è stata ritirata. Per questo - conclude Rosati - il giudice non ha potuto dare una pena più aspra a questo uomo tanto crudele».