Sei in Non solo parma

indagine

In Emilia Romagna la ristorazione stellata vale quasi 100 milioni

16 settembre 2019, 16:46

In Emilia Romagna la ristorazione stellata vale quasi 100 milioni

La ristorazione stellata in Emilia-Romagna vale complessivamente quasi 100 milioni di euro. La cifra si riferisce al 2018 ed emerge da un’inedita indagine commissionata da Guide Michelin sul territorio regionale, dove sono presenti 22 ristoranti stellati Michelin (uno a 3 stelle, due a 2 stelle e 19 a 1 stella) e 32 'Bib Gourmand’ (ovvero i ristoranti con il miglior rapporto qualità-prezzo). Dei 98 milioni di euro generati, solo il 42% è fatturato diretto per i ristoranti, mentre il 58%, pari a 57 milioni, rappresenta l'indotto distribuito a beneficio del territorio tra servizi, commercio e ospitalità. 
Per quanto riguarda i ristoranti stellati, la quota di clientela internazionale è pari al 37%: in testa i francesi (21,9%), quindi Regno Unito, Svizzera, Germania, Paesi Bassi e Giappone. 
I maggiori indici di crescita di clientela si manifestano dalla Cina, Francia, Usa e Paesi Bassi. La quota dell’internazionalizzazione della clientela nei Bib Gourmand scende, invece, al 10,2%. Tuttavia, questa categoria di locali, ha ospitato nel 2018 oltre 683mila clienti, con una media/cliente per ogni ristorante pari a 21.366 ospiti annui, mentre i ristoranti stellati hanno accolto, sempre nel 2018, 166mila clienti, per una media/cliente annua per singolo ristorante pari di 7.241. Per Massimo Feruzzi, amministratore unico di Jfc, che ha curato la ricerca, «ogni ristorante Michelin genera un beneficio medio per il territorio pari a 862mila euro, grazie a una spesa extra ristorante di ogni singolo ospite pari a 113,90 euro». I 'Bib-Gourmand’, invece, generano «un fatturato indotto sul territorio pari a 882mila euro come valore medio per ogni ristorante, e una spesa extra per cliente quantificabile in 41,30 euro». Infine, durante la presentazione dell’indagine, è stata resa nota la consegna al Teatro Farnese di Parma del riconoscimento delle tre stelle della Guide Vert Michelin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA