Sei in Non solo parma

CORONAVIRUS

Bonaccini: 'Se tutto va come previsto anticiperò le riaperture per bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti'

'Per bar, ristoranti, estetisti e parrucchieri'

05 maggio 2020, 15:00

Bonaccini: 'Se tutto va come previsto anticiperò le  riaperture per bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti'

«Se tutto andrà come ci auguriamo quei tempi previsti, ad esempio il primo di giugno per bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti, potranno essere anticipati». Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, al Tgr Rai, spiegando che la riapertura «deve andare di pari passo con una curva epidemiologica che non torni ad essere preoccupante».
Al lavoro per centri estivi a giugno in E-R - E’ possibile l’apertura di centri estivi per i bambini a giugno in Emilia-Romagna? «Io mi auguro proprio di sì. Stiamo lavorando per questo e l’impegno sarà massimo proprio per garantire servizi alle famiglie». Lo ha detto il presidente della Regione Stefano Bonaccini, al Tgr.  «Stiamo discutendo - ha aggiunto - ormai è pronto un piano di intervento per cercare di capire come possiamo garantire da un lato sicurezza e dall’altro servizi che sono indispensabili nei prossimi mesi». 
Ripresa tranquilla, avanti cosi' - «Non abbiamo avuto difficoltà nemmeno dove c'era qualche preoccupazione, cioè nella ripresa dei trasporti. Invitiamo comunque a rispettare le regole di distanziamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale». Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini commenta la situazione al secondo giorno della 'fase 2'. 
«In generale - dice al Tgr Rai - mi sembra si sia ripartiti come ci auguravamo, cioè con grande tranquillità e compostezza. Dobbiamo proseguire così perchè è evidente che si potranno riaprire le attività, oggi chiuse, in ragione di una curva epidemiologica che non torni a salire». 

"Forse da domani potremo togliere qualche altra restrizione" ha poi aggiunto Bonaccini nel corso della video conferenza con il commissario Venturi.
Bonaccini, faremo test sierologici a tappeto - «Raddoppieremo il numero dei tamponi e faremo test sierologici a tappeto, soprattutto a Piacenza e Rimini che sono state le due aree più colpite». E' questa la strategia ipotizzata dall’Emilia-Romagna per la mappatura del Coronavirus, annunciata dal presidente della Regione Stefano Bonaccini. 
«Col protocollo regionale - ha aggiunto - presenteremo la lista di tanti laboratori privati che potranno essere utilizzati sia dalle imprese che dai cittadini che li vogliono fare». 
Ora non abbassare la guardia - «Si sta tornando progressivamente alla vita di prima, il 75% delle imprese in Emilia-Romagna in questo momento stanno lavorando, ma non dobbiamo abbassare la guardia e dire di aver già vinto, perchè se vogliamo che altri tornino presto al lavoro dobbiamo far sì che la curva epidemiologica si abbassi». E’ l’appello lanciato, in una diretta Facebook, dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.  «Se quella curva dovesse rimbalzare - ha proseguito - non solo non potremmo riaprire, ma dovremmo anche chiudere quello che è stato aperto. Quindi mi raccomando di proseguire in questa disciplina organizzata e generalizzata, dobbiamo proseguire perchè si torni in una condizione in cui trovi lavoro chi non ce l'ha o chi l’ha perduto e in cui chi fa impresa possa ricominciare il prima possibile. Per arrivare, insomma, alla fase tre che riguardi anche settori come il turismo che stanno soffrendo in modo particolare». 
"Da domani potremmo togliere qualche restrizione" - "Forse già domani potremo permetterci di togliere qualche altra restrizione". Lo ha annunciato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini nel corso della diretta Facebook sui dati dell’emergenza sanitaria.