Sei in Emilia

CORONAVIRUS

A Parma 26 nuovi casi e 2 decessi. Migliora ancora il quadro in regione

A Colorno dieci contagi in una casa di riposo. L'assessore Donini fa il punto sull'emergenza. Differenziale guariti/malati tra i più alti del Paese

16 maggio 2020, 17:05

A Parma 26 nuovi casi e 2 decessi. Migliora ancora il quadro in regione

E' l'assessore alla Sanità Raffaele Donini a fare il punto sull'emergenza coronavirus in Emilia-Romagna che ora ha cadenza settimanale. Migliorano i dati in regione dove il virus avanza solo dello 0,2% anche se Donini sottolinea che il virus non è ancora sconfitto ed è ancora capace di uccidere. A Parma nelle ultime 24 ore si registrano 2 nuovi decessi e 26 nuovi casi. In particolare Donini segnala 10 casi in una casa di riposo per anziani a Colorno e 6 casi tra gli operatori, ma in questo momento la situazione è gestibile e non si può parlare di un focolaio.

In Emilia-Romagna  sono  27.182 casi di positività, 72 in più rispetto a ieri. I test effettuati hanno raggiunto quota 258.274 (+4.777). Le nuove guarigioni oggi sono 204 (17.370 in totale), mentre continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi che a oggi sono scesi a 5.852 (-149). Il differenziale fra guariti complessivi e malati effettivi è di 11.518, fra i più alti nel Paese.  Donini ha annunciato che la nostra regione sarà la prima a centrare l'obiettivo di numeri ottimale per la terapia intensiva e sub-intensiva all'interno della rete ospedaliera fino a 650 posti. Nell'emergenza non si è arrivati al collasso ma il sistema è stato messo duramente alla prova.

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o r  prive di sintomi, sono   5.000, - 124 rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 112 (-2). Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid, che sono 740 (-23). Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 17.370 (+204): 1.843 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate allinfezione, e 15.527 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Purtroppo, si registrano 17 nuovi decessi: 5 uomini e 12 donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna sono arrivati a 3.960. I nuovi decessi riguardano 2 residente nella provincia di Piacenza, 2 in quella di Parma, 4 in quella di Reggio Emilia, nessuno in quella di Modena, 6 in quella di Bologna (nessuno nellimolese), nessuno in quella di Ravenna e a Forlì-Cesena, 1 a Ferrara, 2 in quella di Rimini. Nessun nuovo decesso da fuori regione. 

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.417 a Piacenza (5 in più rispetto a ieri), 3.379 a Parma (26 in più), 4.888 a Reggio Emilia (9 in più), 3.857 a Modena (8 in più), 4.478 a Bologna (15 in più), 390 le positività registrate a Imola (nessun nuovo caso), 980 a Ferrara (2 in più). In Romagna sono complessivamente 4.793 (7 in più), di cui 1.007 a Ravenna (2in più), 936 a Forlì (nessun nuovo caso), 758 a Cesena (nessun nuovo caso), 2.092 a Rimini (5 in più).

Nuovi tamponi Donini ha anche reso noto che sono stati effettuati test sierologici a 90mila fra medici e infermieri in Emilia-Romagna e che il 5% è risultato positivo agli anticorpi. Ha anche annunciato   tamponi naso faringei a chiunque venga ricoverato in ospedale e a ogni degente al momento delle dimissioni dall'ospedale.  Al centro di questa nuova azionesono gli ospedali regionali,che dovranno sempre più garantire la massima sicurezza. Già da lunedì l'assessore illustrerà la proposta ai massimi vertici delle Ausl, per applicare in maniera uniforme su tutto il territorio l'azione da intraprendere per il contrasto al contagio. Dal 29 maggio saranno inoltre messea disposizione nuove macchine che consentiranno di processare 10mila tamponi al giorno

La rete ospedaliera: 2.780 i posti letto destinati ai pazienti Covid-19. Da Piacenza a Rimini, il piano messo a punto dalla Regione ha portato complessivamente a 2.780 posti letto attivati per i pazienti Covid-19 (dati aggiornati al 15 maggio): 2494 ordinari (146 meno del giorno precedente, che sono tornati disponibili per le attività no Covid) e 286 di terapia intensiva (invariati rispetto al giorno precedente). Nel dettaglio: 377 posti letto a Piacenza (di cui 28 di terapia intensiva), 358a Parma (22 di terapia intensiva), 278 a Reggio Emilia (35 di terapia intensiva), 343 a Modena (55 di terapia intensiva), 708 tra Bologna e Imola, e dunque nellarea metropolitana (73 terapia intensiva, di cui 8 a Imola), 208 a Ferrara (23 di terapia intensiva), 508 in Romagna, di cui 50 per terapia intensiva. Nel dettaglio: 166 a Rimini (di cui 27 per la terapia intensiva), 39 a Ravenna (di cui 2 per la terapia intensiva), 97 a Lugo (di cui 10 per la terapia intensiva), 24 a Faenza, al San Pier Damiano Hospital; 79 a Forlì, 73 a Cesena (di cui 11 per la terapia intensiva).