Sei in Emilia

coronavirus

Dai braccialetti ai controlli: la Regione finanzia i primi 30 progetti anti-Covid-19. Quattro i parmigiani


 

20 maggio 2020, 09:54

Dai braccialetti ai controlli: la Regione finanzia i primi 30 progetti anti-Covid-19. Quattro i parmigiani

Nuove mascherine protettive, braccialetti elettronici per la gestione dei parametri vitali e del distanziamento, pellicole antibatteriche e antivirali, imballaggi monouso per disinfettanti, respiratori a basso costo, sistema di controllo e gestione accessi agli impianti sportivi con misurazione della temperatura. Sono alcune delle soluzioni innovative studiate da aziende e da laboratori di ricerca dell’Emilia-Romagna in risposta al bando della Regione, che ha promosso progetti di ricerca e sviluppo sperimentale per la messa a punto di prodotti, servizi, soluzioni tecnologiche per contrastare l’epidemia da Covid-19. 
Si tratta dei primi 30 progetti ammessi a contributo (relativi alla prima 'call’del bando regionali), dal costo complessivo di 4,2 milioni di euro, a cui la Regione contribuirà attraverso Fondi europei (Por-Fesr) con 3,1 milioni di euro. Di questi progetti finanziati, 27 sono stati presentati da imprese e 3 da laboratori della 'Rete alta tecnologià. 
Le tre 'call’effettuate dalla Regione a partire dal 27 aprile, hanno portato alla presentazione di ben 199 progetti da parte di imprese e laboratori di ricerca, per un valore di oltre 25 milioni di euro, ed un contributo richiesto di 19,5 milioni. «Si tratta di un nuovo 'colpò del bazooka regionale - ha detto l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla -, 
per la ripartenza della nostra economia. L’alto numero dei partecipanti dimostra ancora una volta che l’Emilia-Romagna è un territorio ricco di saperi, creatività e competenze tecnico-scientifiche di valore assoluto». 

 

 

Nuovi tipi di mascherine protettive, braccialetti elettronici per la gestione dei parametri vitali e del distanziamento, pellicole antibatteriche e antivirali, imballaggi monouso per disinfettanti, respiratori a basso costo, sistema di controllo e gestione accessi agli impianti sportivi con controllo di temperatura.

Sono alcune delle soluzioni innovative studiate da aziende e da laboratori di ricerca dell’Emilia-Romagna in risposta al bando della Regione Emilia-Romagna, che ha promosso progetti di ricerca e sviluppo sperimentale per la messa a punto di prodotti, servizi, soluzioni tecnologiche per contrastare l’epidemia da Covid-19.

Si tratta dei primi 30 progetti ammessi a contributo, relativi alla prima ‘call’ del bando regionale, dal costo complessivo di 4,2 milioni di euro, a cui la Regione contribuirà attraverso Fondi europei (Por-Fesr) con 3,1 milioni di euro. Di questi progetti finanziati, 27 sono stati presentati da imprese (di cui 19 fra micro e piccole imprese) e 3 da laboratori della Rete Alta Tecnologia.

Le tre ‘call’ effettuate dalla Regione a partire dal 27 aprile, hanno portato alla presentazione di ben 199 i progetti da parte di imprese e laboratori di ricerca: 153 presentati da imprese e 46 da laboratori della Rete regionale Alta Tecnologia, per un valore complessivo di oltre 25 milioni di euro, ed un contributo richiesto di 19,5 milioni. Una dimostrazione di grande creatività e soluzioni altamente innovative per contrastare la pandemia.

Ecco le ditte di Parma

IMOLD S.R.L.  Produzione in serie di maschera facciale protettiva con visiera trasparente da processo di stampaggio a iniezione-compressione 54.862,12 €

LIFETOUCH  IGEA Controllo adozione norme di contrasto alla diffusione Covid 120.000,00 €

NILMA SPA  Lavaggio termico - dpi: innovativo dispositivo per il lavaggio termico di dispositivi di protezione individuali utili alla protezione sanitaria da Covid-19 105.468,30 €

 RAVASINI S.P.A.  CLEAN: Covid Limiter Effective and Ambient Neutral 119.916,00 €