Sei in Emilia

EMILIA-ROMAGNA

Sport, via al voucher di 150 euro per l'iscrizione dei figli ad attività sportive

28 maggio 2020, 19:35

Sport, via al voucher di 150 euro per l'iscrizione dei figli ad attività sportive

Tre milioni di euro per sostenere la domanda allo sport per i bambini dai 6 ai 16 anni. E' questa la proposta della Giunta portata avanti in questi mesi di confronto con il mondo sportivo e istituzionale e approvata in commissione Cultura, scuola, lavoro, sport, presieduta da Francesca Marchetti (sì di Pd, ER Coraggiosa, lista Bondavalli, M5s e Fi, astenuti Lega e Fdi).

La misura è stata illustrata dal capo della segreteria politica della presidenza, Giammaria Manghi. Si tratta di un voucher di 150 euro che aiuterà le famiglie a iscrivere un figlio (dai 6 ai 16 anni) all'attività sportiva da settembre in poi - spiega. La giunta sta lavorando anche a misure particolari per le famiglie numerose. L'obiettivo è quello di incentivare lo sport tra i giovani ma anche sostenere le associazioni sportive che hanno dovuto chiudere durante l'emergenza coronavirus.

I voucher verranno distribuiti ai Comuni che ne faranno richiesta, "ma quello della popolazione non sarà l'unico indicatore per non penalizzare i Comuni più piccoli per i quali è comunque previsto un numero minimo", specifica l'esponente della Giunta.

Il voucher salirà a 250 euro per le famiglie con tre figli e oltre, "tetto stabilito con il mondo sportivo", chiarisce Manghi. Attenzione anche per i ragazzi con diverse abilità: a loro verrà destinato il 10 per cento del totale dei voucher e potranno usufruirne i bambini/ragazzi dai 6 ai 26 anni.

Entro il 30 giugno i Comuni dovranno dichiarare il loro interesse e successivamente far uscire il bando ma, specifica il capo della segreteria politica di presidenza, "non si tratterà di un'erogazione a pioggia indistinta: i Comuni faranno una graduatoria delle famiglie interessate facendo riferimento all'indicatore Isee compreso tra i 3 e 17mila euro". Saranno poi sempre i Comuni a distribuire i voucher alle famiglie che li spenderanno esclusivamente per iscrivere i figli alle associazioni sportive.