Sei in Emilia

Infrastrutture

Parte oggi la navetta elettrica che collega la stazione di Bologna all'aeroporto in 7 minuti

18 novembre 2020, 14:44

Parte oggi la navetta elettrica  che collega la stazione  di Bologna all'aeroporto  in 7 minuti

Parte oggi il  People Mover , il sistema di trasporto rapido di massa, alimentato elettricamente, a guida vincolata e integralmente automatizzato, senza conducente a bordo.

Il People Mover di Bologna è la prima monorotaia in Italia a connettere la rete dell’Alta velocità ferroviaria con uno dei primi dieci aeroporti nazionali per traffico di passeggeri.

Il collegamento veloce è attivo 365 giorni l’anno, dalle 5:40 alle 24. Inizialmente, a causa della riduzione del traffico aereo, il treno viaggerà con una sola navetta, sulle tre disponibili, e con una corsa ogni 15 minuti, diversamente dalle 8 possibili partenze orarie. La capienza è limitata al 50% dei posti disponibili - secondo le disposizioni previste dall’ultimo Dpcm per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 - e, come indicato sulle porte, sono quindi ammessi non più di 12 passeggeri per ciascuno dei due scomparti della vettura.
In questi primi mesi, potranno quindi usufruire del servizio i passeggeri dei voli dell’aeroporto Marconi che viaggiano per comprovate esigenze di lavoro, salute, studio o necessità, i lavoratori dell’area aeroportuale (reparti operativi, forze dell’ordine, servizi, personale di terra e di bordo delle compagnie aeree) e da residenti e lavoratori del quartiere Lazzaretto.


Il percorso parte dagli ex binari 12-15 della Stazione di Bologna Centrale, in prossimità di via dei Carracci e, dopo circa cinque km giunge al capolinea opposto, l'area Arrivi dell'Aeroporto di Bologna-Borgo Panigale.
Il tempo di collegamento tra i due terminal è previsto in circa 7 minuti e 20 secondi, contro i 16-23 minuti dell'autobus-navetta BLQ.
Nella fermata intermedia del Lazzaretto è previsto l'incrocio delle vetture, oltre che la realizzazione del deposito-officina e il posto di comando centralizzato. A differenza degli altri people mover italiani, che sono impianti a fune (funicolare orizzontale), quello di Bologna è a trazione elettrica a 750 V in corrente continua, la stessa tensione elettrica della rete filoviaria di Bologna. Si tratta di un mezzo ecologico e sostenibile con pannelli fotovoltaici integrati sulla via di corsa e che produce circa il 35% dell’energia necessaria al suo funzionamento. Si stimano 300 tonnellate di anidride carbonica in meno all’anno, paragonabili all’effetto di circa 14mila alberi.
Le navette bidirezionali sono composte ognuna da due vagoni su ruote gommate che viaggiano a una velocità commerciale di circa 40 km/h.
L’intero percorso della monorotaia è dotato di una passerella di sicurezza che ogni 500 metri prevede un sistema di scale per raggiungere terra in caso di evacuazione.
I biglietti
I biglietti sono acquistabili sul sito marconiexpress.it, sulle app dedicate al trasporto pubblico della Regione Emilia-Romagna Muver e Roger (occorre uno smartphone con tecnologia NFC), presso le emettitrici automatiche nelle stazioni Marconi Express e in aeroporto. I biglietti sono acquistabili anche presso le rivendite Tper in stazione centrale, in autostazione e in via Lame, negli uffici di Bologna Welcome, nelle agenzie di viaggio convenzionate ed in molti altri esercizi commerciali in Aeroporto e Stazione Centrale.