Sei in Emilia

MONITORAGGIO

Covid: in Emilia-Romagna l'88% dei casi è "variante inglese"

06 aprile 2021, 17:34

Covid: in Emilia-Romagna l'88% dei casi è "variante inglese"

La circolazione del coronavirus in Emilia-Romagna è per l’88% riconducibile alla variante inglese.

L'attività regionale di sorveglianza sulla diffusione di varianti del virus Sars-CoV-2, infatti, ha documentato la crescente presenza in Emilia-Romagna della variante VOC 202012/01, Regno Unito, che è divenuta al momento prevalente rispetto al ceppo virale originario. 

Dall’ultima indagine effettuata su indicazione del ministero della Salute, la prevalenza di varianti in Emilia-Romagna è risultata complessivamente del 96,5% rispetto al virus originale: 88% per la variante VOC 20212/01. Quest’ultima ha dimostrato di avere una maggiore trasmissibilità, superiore del 37% rispetto ai ceppi non varianti, che si traduce in un maggior numero assoluto di infezioni, determinando un incremento anche nel numero di casi gravi con conseguente impatto sui sistemi sanitari.