Sei in Piacenza

PIACENZA

Va in ospedale e muore, sull'auto una sfilza di multe

A Piacenza, di fronte all’ospedale, nonostante i cartelli 

14 novembre 2020, 09:53

Va in ospedale e muore, sull'auto una sfilza di multe

Sul tergicristallo di un’auto parcheggiata di fronte all’ospedale di Piacenza, due cartelli a penna. Sul primo è scritto: «Il signor Mosconi, proprietario della vettura, è ricoverato in medicina d’urgenza». Sul secondo, completato anche da una fotografia: «Il signor Mosconi è deceduto». Accanto il biglietto del parchimetro del 14 settembre e una sfilza di multe inzuppate di pioggia e annerite dallo smog. E’ la storia di Giuseppe Mosconi, 68 anni, pensionato lodigiano morto il 16 ottobre all’ospedale di Piacenza, raccontata questa mattina dal quotidiano Libertà. 


Il 14 settembre l’uomo, che viveva solo, si sente male e da Fombio (Lodi) in macchina raggiunge l’ospedale di Piacenza, dove muore circa un mese dopo il ricovero. In strada resta però la sua auto, una Mercedes grigia posteggiata negli spazi a pagamento, che viene tappezzata di multe. Nonostante i due cartelli che raccontano la fine di una storia di «ordinaria solitudine». Il fratello al telefono spiega che lui e Giuseppe si erano allontanati da tempo e dice di non sapere chi possa aver messo i cartelli sulla sua macchina. «A settembre - racconta - era corso in ospedale a Piacenza da solo, aveva qualche problema di salute. I medici mi hanno chiamato, ma non ho potuto andare a visitarlo per colpa dell’emergenza Covid. Dopo la sua morte, l’auto è rimasta nel posteggio».