Sei in Reggio

carabinieri

Trovata una discarica con 8mila tonnellate di scarti pericolosi nel Reggiano

14 gennaio 2020, 12:55

Trovata una discarica con 8mila tonnellate di scarti pericolosi nel Reggiano

Scoperta dai Carabinieri del gruppo Forestale una discarica di scarti pericolosi a Novellara, nel Reggiano. Nel sito sono stati smaltiti 4.260 metri cubi di materiale cementizio non idoneo, per un peso di 8000 tonnellate. Nel dettaglio i militari hanno appurato il deposito presso un cantiere, per la sistemazione e il consolidamento di una carraia e il piazzale di una struttura agricola, di rifiuti provenienti dal Veneto spacciati per 'Concrete Green', conglomerato cementizio non strutturale. 
Le indagini hanno portato alla segnalazione alla Procura della Repubblica di sei soggetti per realizzazione discarica di rifiuti pericolosi, sistemazione e consolidamento di una carraia in difformità all’autorizzazione paesaggistica e realizzazione di un piazzale attorno ad una struttura agricola in assenza di autorizzazione paesaggistica. 
Visto che il materiale utilizzato deriva dalla lavorazione e dal trattamento di rifiuti e che per essere utilizzato deve rispettare precisi requisiti di legge, il Comune di Novellara aveva chiesto di verificarne la qualità. Dalle analisi dell’Arpae su campionamenti compiuti dai militari con una ditta specializzata è emersa l’inidoneità del prodotto ottenuto dal recupero dei rifiuti ritirati. 
Sul sito reggiano era previsto il deposito di circa 350 metri cubi di materiale mentre i controlli hanno appurato come siano stati trasportati, scaricati e ammassati sul posto circa 4.260 metri cubi. La differenza di materiale, fra quella reale e quella necessaria per la realizzazione del progetto, è apparsa smisurata, tanto da far presupporre la volontà da parte di una ditta veronese, con la complicità della società novellarese proprietaria dei terreni, di disfarsi di un notevole quantitativo di prodotto ottenuto da una miscela di rifiuti artificiali attraverso un consistente numero di trasporti e sistemazione sul posto con mezzi meccanici da cantiere. I rifiuti ritirati dalla dita veronese presentavano valori di metalli pesanti come piombo, cromo, rame, preoccupanti.