Sei in Reggio

FRODI

Correggio, “vince” 25.000 euro alla lotteria e invece di incassare paga

Vittima del truffatore di internet una casalinga 28enne 

17 febbraio 2020, 11:01

Correggio, “vince” 25.000 euro alla lotteria e invece di incassare paga

Per abbindolare le gente che naviga su Internet, e farsi mandare dei soldi, le inventano tutte. Costruiscono falsi contratti di lavoro, fingono di voler condividere quote ereditarie o, dopo aver inviato un cucciolo di cane per via aerea dalla California - ovviamente per finta - chiedono il denaro per sdoganarlo. L’ultima truffa inventata dai predatori del web è quella della vincita alla lotteria. Falsa, naturalmente. A cadere in trappola nel reggiano è stata una casalinga di 28  anni che abita a Correggio. «Complimenti, hai vinto 25mila euro: per poter accreditare l’importo sul conto deve però pagare i bolli». Sull’onda dell’entusiasmo non ha capito che qualcosa non funzionava. Soprattutto quando gli organizzatori gli hanno inviato via WhatsApp la foto della carta prepagata dove versare i soldi: ben 999 euro che la donna attraverso due operazioni ha provveduto ad accreditare all’ignaro interlocutore. Dopo un alcuni giorni nel silenzio assordante di colui che gli aveva comunicato la vincita, la donna lo contattava e nel dubbio di essere caduta vittima di un raggiro chiedeva i soldi in restituzione. «Nessun problema provvediamo subito. Per riavere i soldi deve però fare una ricarica di telefonica da 30 euro». Adempiuto anche a tale richiesta e non vedendosi riaccreditare i soldi la donna, materializzato di essere rimasta vittima di una truffa, si è rivolta ai carabinieri di Correggio trovando conferme ai suoi sospetti. I carabinieri di Correggio raccoglievano quindi la denuncia avviando le indagini. Dopo una serie di riscontri tra l’utenza telefonica attraverso la quale il truffatore contattava la donna e la carta prepagata dove erano confluiti i soldi versati dalla 28enne, i carabinieri di Correggio catalizzavano le attenzioni investigative nei confronti di un 20enne residente a Zollino, in provincia di Lecce. Nei confronti del giovane truffatore i carabinieri acquisivano una serie di incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine al reato di truffa per  cui  è stato denunciato alla procura reggiana.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA