Sei in Reggio

Castelnovo sotto

Dopo la 'fuitina' fingono positività al Covid, 16enni denunciati

13 giugno 2020, 11:08

Dopo la 'fuitina' fingono positività al Covid, 16enni denunciati

 Vissuta la loro 'fuitinà, forse per trascorrere ancora qualche ora insieme, hanno riferito ai Carabinieri di Castelnovo Sotto, nel Reggiano - che li avevano convocati per rendere conto della loro 'fuga' - di avere contratto il coronavirus dopo essere entrati in contatto con un positivo alla stazione di Cremona, costringendo i militari a isolarli, chiudere la caserma per 4 ore e avviare i protocolli di sicurezza.

Protagonisti della vicenda due fidanzati 16enni, risultati negativi al tampone e segnalati alla Procura preso il Tribunale per i minorenni di Bologna per rispondere di reati di procurato allarme e interruzione di pubblico servizio. 
Secondo quanto ricostruito dagli uomini dell’Arma cui si era rivolta la madre del ragazzo della coppia, i due si erano allontanati in un pomeriggio dei giorni scorsi facendo poi ritorno a casa spontaneamente il pomeriggio successivo. Convocati in caserma per gli accertamenti del caso i 16enni, forse con l’intento di evitare di essere affidati nuovamente ai genitori e restare ancora insieme hanno detto di aver contratto il virus covid-19 dopo essere entrati in contatto alla stazione di Cremona con un positivo. Un racconto credibile visto che all’Ospedale di Crema un 75enne positivo era fuggito in treno. L'esito negativo del tampone ha svelato la messinscena architettata dai due segnalati, così, alla Procura dei minori.