Sei in Reggio

coronavirus

Manifestazione contro il Dpcm, tensione a Reggio Emilia

28 ottobre 2020, 21:05

Manifestazione contro il Dpcm, tensione a Reggio Emilia

Momenti di tensione nel tardo pomeriggio a Reggio Emilia. Un centinaio di manifestanti - non appartenenti ad associazioni di categoria o di commercianti - si sono trovati nel cuore della città, in piazza Prampolini alle 18, raccogliendo un tam tam circolato via whatsapp nei giorni scorsi (esortando esplicitamente a non scrivere nulla sui social dato che per il flashmob non era stata richiesta alcuna autorizzazione alla Questura) con l’invito a protestare contro i provvedimenti restrittivi del nuovo Dpcm così come avvenuto in altre città italiane. 
Alcuni, muniti di microfoni e megafoni, hanno fatto partire alcuni cori di insulto contro il Premier Giuseppe Conte. C'è chi ha bruciato un igienizzante e pure chi ha fatto un aperitivo con bottiglie portate da casa, sbeffeggiando il Governo. Infine i dissidenti si sono diretti verso l’ingresso del municipio con l'intenzione annunciata a gran voce di occuparlo. Ma l'intervento diplomatico della Digos schierata davanti al Comune ha scongiurato il peggio, bloccando sul nascere ogni tentativo. 
Dopo circa un’ora la situazione è tornata alla normalità e il sit-in è rientrato. La questura ha comunque avviato le indagini per accertare se vi possano essere contestate responsabilità ai presunti fomentatori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA