Sei in Notizie dal mondo

jihadisti

Terrorismo, a Parma fermato tunisino accusato di addestrarsi a jihad

15 febbraio 2020, 15:57

Terrorismo, a Parma fermato tunisino accusato di addestrarsi a jihad

Con l'accusa di addestramento ad attivita' con finalita' di terrorismo anche internazionale, la Procura di Bologna ha emesso un provvedimento di fermo a carico di un cittadino tunisino. Il provvedimento e' frutto delle indagini della Digos di Bologna e Parma e della Polizia Postale bolognese. Gravi gli elementi indiziari a carico dell'indagato, fanno sapere gli inquirenti, sottolineando allo stesso modo il fondato pericolo di fuga in seguito a reiterati viaggi compiuti in Tunisia. L'uomo frequentava diverse chat su gruppi Whatsapp in cui venivano propagandati messaggi a sostegno del califfato e del terrorismo islamico. Il tunisino, operaio di 24 anni, residente a Parma, aveva pure caricato come foto sul profilo del suo account l'immagine di alcune mitragliatrici. I poliziotti hanno anche scoperto due profili Facebook a lui riconducibili dai quali si e' rivelata una spiccata inclinazione alla lotta armata, non risparmiando apprezzamenti e iscrizioni a pagine legate al sedicente Stato Islamico. Nel corso della perquisizione nella sua abitazione e' stato sequestrato un cellulare, contenente migliaia di immagini con foto che ritraevano scene di guerra nei territori mediorientali, esecuzioni capitali e 40 video esplicativi delle varie tecniche utilizzate da gruppi jihadisti nonche' istruzioni per il confezionamento di ordigni artigianali mediante l'uso di materiale di facile reperibilita'. Ed ancora schede con "consigli" per la realizzazione di molotov, su tecniche di combattimento, raccomandazioni per eludere gli inseguitori, per evitare cattura la e tecniche utili per liberarsi da un ammanettamento, nonche' metodi per occultare un cadavere, ma anche tecniche di disarmo e difesa da minacce armate. 

{{title}}
RIAPERTURE

Divisi dalle rive del Po finalmente insieme

{{title}}
SUI BINARI

In stazione, chi va e chi viene. L'importante è riabbracciarsi

{{title}}
SOS NON UDENTI

Mascherine trasparenti? Sono introvabili